Miccichè sale in cabina di regia per gestire i risultati delle Politiche e mette i suoi paletti :ilSicilia.it

Le scelte dei partiti di centrodestra alla vigilia del voto nazionale

Miccichè sale in cabina di regia per gestire i risultati delle Politiche e mette i paletti

di
7 Febbraio 2018

Gianfranco Miccichè si prepara alla campagna elettorale delle Politiche dopo aver vantato, in maniera poco convinta e sporadica, qualche torto. In realtà, il coordinatore regionale di Forza Italia e presidente dell’Assemblea regionale siciliana, ha dovuto abbozzare su due o tre nomi che hanno avuto la ‘nomination’, ma ha anche saputo fare buon viso a cattivo gioco nelle situazioni al limite e nei casi in cui la promanazione di una candidatura era meno riconducibile a lui.

Nel panorama delle novità, spicca decisamente il nome di Giusi Bortolozzi, magistrato e compagna del vicepresidente della Regione Gaetano Armao, pronta a recitare nella legislatura che andrà a cominciare nella prossima primavera un ruolo di primo piano dentro Forza Italia e anche nell’eventuale esecutivo nascente.

Miccichè proverà di suo a lanciare Francesco Scoma nell’orbita di un possibile incarico di governo, ma ogni pronostico in tal senso oggi appare prematuro e senza il responso delle urne, in termini quantitativi e di rapporti di voti nei territori, sarebbe azzardato condurre una sventagliata di ipotesi che potrebbe apparire al momento fuorviante.

Una cosa è certa, il leader forzista punta a mantenere alto il baricentro del suo partito dentro la coalizione, che al suo interno eleggerà uno schieramento vasto che svaria dai Meloni’boys, ai leghisti di Sicilia, per finire ai centristi in cerca di quorum nazionale (3%), con Saverio Romano, candidato anche nell’uninominale.

Che relazione ci potrà essere tra la salute del governo regionale, la tenuta della maggioranza d’Aula e il voto di marzo, rimane una verità da accertare tra quattro settimane.

Musumeci ha provato a mantenere un profilo neutro, ma è sempre il governatore di Sicilia dalla cui vittoria si è sviluppata la ripartenza della coalizione di centrodestra. Piazzando Raffaele Stancanelli a Roma, Musumeci non mette solo un ufficiale di collegamento con l’esecutivo nazionale che andrà a nascere, a prescindere o meno dall’ipotesi di larghe intese. Crea di fatto una cerniera che tra Roma e Palazzo d’Orleans dovrà agire sulle questioni più delicate che vanno dai rifiuti (è atteso per giovedì il si alle istanze della Sicilia), agli accordi con lo Stato da rinegoziare.

Gli autonomisti, che hanno piazzato la casella di Roberto Di Mauro come vicepresidente dell’Ars, rappresentano tra i centristi, una robusta parte di rivendicazione.

Sarà l’estate, al momento particolarmente lontana, a chiarire se il cielo della maggioranza parlamentare all’Ars, dopo le Politiche, sarà o meno sgombro di nuvole. Un tempo congruo per preparare alcune leggi e dare corso, per esempio, all’impegno assunto sulle ex Province.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.