Miccichè scuote Forza Italia: "Siamo i servi di Salvini, ma non mi faranno morire nazista e razzista" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il presidente dell'Ars e leader azzurro in Sicilia parla a Fiuggi

Miccichè scuote Forza Italia: “Siamo i servi di Salvini, ma non mi faranno morire nazista e razzista”

di
23 Settembre 2018

“Per Forza Italia è un momento difficile. Siamo i servi di Salvini, continuiamo a far crescere la Lega e noi perdiamo voti al Nord. In compenso, se si fa l’analisi del voto, in alcune regioni del centro e in tutte quelle del Sud siamo sempre al 20 per cento”.

Lo ha detto Gianfranco Miccichè, commissario straordinario di Forza Italia in Sicilia e presidente dell’Assemblea regionale siciliana, intervenendo durante la convention azzurra in corso a Fiuggi.

Su un altro fronte, il commissario azzurro nell’Isola ha proseguito: “A proposito di migranti, vi avrei invitati tutti sulla nave Diciotti, sulla nave maledetta, a vedere le condizioni in cui erano ridotte quelle 170 persone, per capire se Salvini è un leader, un uomo di Stato”.

Poi ha concluso: “Da ragazzo avrei voluto morire socialista, poi mi hanno convinto anche a morire popolare, ma nazista e razzista non mi ci fanno morire”.

LEGGI ANCHE

Miccichè sulla Diciotti, critica Salvini e solidarizza con la Boldrini e la Cgil

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin