20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Polemico post su facebook

Micciché si scaglia contro Salvini: “Lascerebbe morire di fame e di freddo ogni immigrato”

7 dicembre 2018

Duro attacco del Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché contro Matteo Salvini in vista della manifestazione della Lega a Roma l’8 dicembre. Dopo che in Sicilia quello del commissario di Forza Italia era finito tra i volti della campagna di promozione in salsa isolana dell’evento del Carroccio #luinoncisarà, ecco che sul profilo facebook di Micciché spunta un post più che pungente: “L’8 Dicembre in piazza con Matteo Salvini? – recita – Con uno che lascerebbe morire di freddo e di fame ogni immigrato di questo Paese non voglio condividere neanche la stessa strada. Figuriamoci una piazza intera. #iononcisarò”.

Un testo che non lascia spazio a interpretazioni, una presa di distanza netta, quella di Micciché nei confronti del Ministro dell’Interno. E d’altronde non sorprende più di tanto, viste le precedenti esternazioni del Presidente dell’Ars all’indirizzo di Salvini. Tra queste si ricorda quando, in piena ‘crisi Diciotti‘ Micciché bollò con l’epiteto ‘stronzo’ il leader leghista, sempre su facebook.

Ma la questione potrebbe andare ben al di là delle parole e avere risvolti politici. Non si può non pensare alla convention del Costa Verde di Cefalù, dove si sono ritrovati, in vista delle elezioni Europee, Saverio Romano, Roberto Lagalla e Toto Cordaro. E dove era presente anche Micciché, che durante il suo intervento ha detto che lui a una lista unica – e dalla connotazione moderata, se non centrista; in ogni caso antisovranista – per Strasburgo ci sta. Insomma, se Berlusconi vuole recuperare l’alleato delle ultime elezioni Politiche, certamente non può contare su Micciché. Almeno per il momento.

L'8 Dicembre in piazza con Matteo Salvini? Con uno che lascerebbe morire di freddo e di fame ogni immigrato di questo…

Pubblicato da Gianfranco Miccichè su Giovedì 6 dicembre 2018

LEGGI ANCHE

Gelarda vs Miccichè: “Non sarà alla manifestazione della Lega? Non è posto per lui”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.