26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09

Il commissario regionale azzurro a TgCom24

Micciché sul caso Sea Watch: “Forza Italia esercita il suo ruolo di opposizione” | Video

28 Gennaio 2019

Il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Micciché torna ancora a parlare del caso Sea Watch, dopo la polemica che lo ha messo per l’ennesima volta in contrasto con il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il presidente dell’Ars è intervenuto intervistato a Tgcom24, all’indomani della visita, a sorpresa, di una delegazione di parlamentari nazionali, tra cui Stefania Prestigiacomo, di Forza Italia, sulla Sea Watch.

Che Paese sta diventando questo? Teniamo segregati dei disperati su una nave e indaghiamo i parlamentari che sono saliti a bordo per verificare le loro condizioni di salute? – si chiede ancora Micciché – Qui non si tratta di condividere o contestare le politiche del governo sui flussi migratori. Mi chiedo cosa c’entri la politica con un’iniziativa umanitaria volta a salvare la vita di 47 persone, di cui molti minorenni?”.

sea watch“È come se nel periodo del famoso scandalo dei medicinali, in attesa di risolvere il problema, non fossero stati più curati gli ammalati. Adesso sembra la stessa cosa: una follia”, ha aggiunto Miccichè.

E, all’indomani delle polemiche, ha sottolineato: “È la prima volta che un governo viene difeso dall’opposizione e non dalla maggioranza. Non dimentichiamo che Forza Italia è una forza politica di opposizione al governo giallo-verde e, al di là delle singole sensibilità e posizioni, contestando la chiusura dei porti, i parlamentari del mio partito contrari alla politica di Salvini esercitano il normalissimo ruolo di opposizione. Mi pare assurdo, comunque, che molti di Forza Italia continuino a confondere la politica con un’azione umanitaria”, ha concluso Micciché.

L’intervista dell’Onorevole Gianfranco Miccichè a Tgcom24

Pubblicato da Forza Italia Sicilia Coordinamento Regionale su Lunedì 28 gennaio 2019

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.