Micciché sul taglio dei vitalizi: "Sono d'accordo, ma non come alla Camera" :ilSicilia.it

L'uscita del Presidente di Sala d'Ercole

Micciché sul taglio dei vitalizi all’Ars: “D’accordo, ma non come alla Camera”

di
7 Marzo 2019

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gianfranco Micciché torna a parlare del taglio dei vitalizi all’Ars e si mostra possibilista rispetto alle esternazioni precedenti:  “Sono disponibile a studiare un taglio dei vitalizi, ma non può essere come quello che Fico ha imposto alla Camera dei Deputati”.

Così il presidente di Sala d’Ercole a margine della presentazione, a Palazzo dei Normanni, del Radicepura Garden Festival:Ci sono persone perbene che hanno dato il meglio di se stessi per questa regione: se dovesse essere effettuato il taglio previsto a livello nazionale, questi ex deputati riceverebbero 600 euro al mese. Se l’Assemblea regionale siciliana riterrà che deve essere fatto in Sicilia ciò che è stato deciso alla Camera – afferma –, mi sfiducino pure, ma non posso consentire che venga penalizzato chi ha avuto l’unica colpa di adoperarsi per questa terra. Verrebbero danneggiate solo le persone oneste – ha aggiunto -. Chi ha rubato, invece, non ha bisogno del vitalizio, perché i soldi li ha già“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.