Midiri vs Vitale: confronto pubblico tra i candidati alla carica di rettore Unipa :ilSicilia.it
Palermo

Il faccia a faccia a Palazzo Steri

Midiri vs Vitale: confronto pubblico tra i candidati alla carica di rettore Unipa | VIDEO

di
1 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Palazzo Steri si è concluso il confronto pubblico dei due candidati alla carica di Rettore dell’Università di Palermo, che vede protagonisti Massimo Midiri, professore ordinario di Diagnostica per immagini, e Francesco Vitale, professore ordinario Igiene generale ed applicata, i quali da mesi discutono di idee per il futuro dell’Ateneo.

Il dibattito ha reso evidente i programmi, entrambi incentrati sulle politiche di internazionalizzazione, sulla capacità di attrazione del nostro Ateneo  nei confronti degli studenti stranieri. Inoltre, sia Massimo Midiri, che Francesco Vitale si sono espressi per il rilancio della gestione amministrativa del Policlinico.

Partiamo dal progetto di Massimo Midiri, molto stimato e apprezzato, con esperienza accademica scientifica, didattica, sanitaria e amministrativa, ha chiaro  il “buon governo” dell’ateneo. Massimo Midiri ha sostenuto che “ Il mio programma è fondamentalmente incentrato sulla ricerca che deve essere il punto centrale dell’Università di Palermo e la nuova conoscenza determinata dalla ricerca può essere trasferita in un modello a cui ci possiamo richiamare, quello dell’università intraprendente. Un’Università che semina il sapere e crea occasioni di lavoro e innovatori. Palermo è una città mediterranea ma è soprattutto una città europea, quindi ai ragazzi va data la possibilità di entrare in una università europea”, ha detto il professore Midiri.

Poi c’è il ruolo fondamentale dell’alta formazione, intercettando le risorse che possano rendere Palermo un grande Ateneo del Sud, un interlocutore privilegiato che faccia da contraltare agli Atenei del Nord Italia. Infatti, è l’appello di Midiri a non perdere l’occasione unica di sfruttare le risorse del Pnrr. Puntare sull”Università è fondamentale, non solo perché rappresenta una delle istituzioni più importanti della nostra regione, ma soprattutto perché è in questa fase di cambiamento sociale ed economico che si inserisce il Piano nazionale di ripresa e resilienza, offrendo gli strumenti per valorizzare le grandi potenzialità di crescita, che anche l’Università del capoluogo siciliano deve concretizzare  in termini di occupazione, di formazione e sviluppo tecnologico. E’ necessario rafforzare il rapporto tra Università e territorio, e di riflesso si instaura un legame tra le istituzioni e il mondo produttivo nel suo complesso.

Francesco Vitale guarda ad una tipologia di Università  che sia “partecipativa, concertativa con tutte le forze politiche sociali che faccia crescere il nostro territorio, gli studenti, formandoli nella maniera adeguata. Per fare questo dobbiamo essere bravi ad intercettare i fondi del Pnrr, per dare davvero una scossa futura alle generazioni in un contesto territoriale che, per quanto difficile, offre delle opportunità importanti”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin