Mieloma: Policlinico di Palermo offre nuova tecnica per diagnosi molecolare CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

la conferenza stampa a Palazzo Steri

Mieloma: Policlinico di Palermo offre nuova tecnica per diagnosi molecolare CLICCA PER IL VIDEO

di
25 Gennaio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Palazzo Steri, presso la Sala Magna del Complesso Monumentale, sede del Rettorato dell’Università di Palermo, una conferenza stampa per presentare la nuova metodica offerta al Policlinico Paolo Giaccone per la cura del mieloma multiplo che unisce le potenzialità della clinica e della diagnostica.

La nuova tecnica per la diagnosi molecolare della malattia minima residua, che vede il Policlinico Giaccone di Palermo tra i primi in Italia e punto di riferimento in Sicilia, è un’arma in più per trattare questo tumore del sangue che colpisce le plasmacellule, le cellule produttrici degli anticorpi: grazie a un esame condotto sul sangue midollare, infatti, è oggi possibile identificare la MRD, acronimo inglese (Minimal Residual Disease) con cui si identifica la quantità di malattia minima residua.  Si tratta di un’informazione importante perché la MRD indica la presenza di un piccolo numero di cellule di mieloma capaci di rimanere nel midollo nonostante il paziente sia sottoposto ad una adeguata terapia.

Il raggiungimento di questi importanti risultati dimostra la centralità del ruolo sanitario, oltre a quello strategico ed istituzionale del nostro Policlinico – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Massimo MidiriLa vocazione assistenziale e di ricerca clinica, unita a quella dell’alta formazione, sono gli elementi portanti di un percorso di crescita che intendiamo portare avanti nei prossimi anni con interventi decisivi, che rafforzeranno ancora di più l’eccellenza del Policlinico anche a livello nazionale”.

Grazie alla sinergia tra l’UO di Ematologia, diretta dal prof. Sergio Siragusa e il Cladibior, diretto dal prof. Francesco Dieli, è oggi possibile eseguire un esame di laboratorio che, con tecnologie avanzate, è in grado di rintracciare una cellula tumorale in un milione di cellule normali. Un risultato, quello ottenuto grazie a questo esame, utile ai clinici per proseguire il percorso di cura con più consapevolezza, indirizzando al meglio le terapie con scelte mirate, cucite sul paziente.

Ma perché bisogna cercare così a fondo la presenza di una cellula malata?

Ciò dipende dal fatto – spiega Sergio Siragusa Direttore UOC di Ematologia – che le cellule tumorali del sangue hanno una grande capacità di sopravvivere e replicarsi. Anche piccole quantità possono infatti, nel tempo, crescere sostituendosi alla popolazione cellulare normale del sangue dando quindi segni di malattia. Diventa pertanto fondamentale poter identificare tali cellule quanto prima, per decidere se, a prescindere dalla sintomatologia, proseguire o riprendere una terapia anti-mieloma”.

In questo momento il Policlinico di Palermo è l’unico centro in Sicilia ad offrire questo tipo di esame nei pazienti colpiti da mieloma; l’indagine diagnostica viene effettuata durante i controlli o prima del trapianto di midollo osseo.

Ad oggi, i tumori del sangue ed il mieloma non sono ancora guaribili – prosegue Siragusa – l’obiettivo è quindi quello di curarli, tenendo la malattia sotto controllo per il maggior tempo possibile. Tutto ciò non può prescindere dalla conoscenza della biologia della malattia; infatti, la nuova sfida è individuare fin dall’inizio la migliore sequenza terapeutica o combinazione di farmaci per ottenere una terapia personalizzata per il paziente. Ciò significa identificare biomarcatori di risposta, ma anche identificare precocemente quando una terapia smette di funzionare e/o quando sospenderla, se si è raggiunta cioè una risposta clinica che permette la sospensione più o meno lunga del trattamento”.

L’obiettivo principale che ci poniamo come Azienda Ospedaliera Universitaria – sottolinea il Commissario Straordinario dell’AOU Alessandro Caltagironeè quello di essere nelle condizioni di offrire ai pazienti più fragili qualità di cura e di assistenza di alto livello. Ciò è ancor più vero nei casi in cui si convive con una patologia complessa come il mieloma. La sfida di un policlinico non può, dunque, che essere quella di proseguire lungo un percorso volto ad assicurare ai cittadini trattamenti all’avanguardia affinché la ricerca del luogo di cura sia sempre più vicino casa e non fuori regione”.

“Noi siamo un ospedale di formazione, ed oltre a formare medici che oggi possano avvalersi di tecnologie così performanti e di elevata qualità, significa avere professionisti – ha detto Marcello Ciaccio Presidente Scuola di Medicina Università di Palermo – portare al Policlinico di Palermo queste tecnologie significare migliorare di molto la qualità dell’assistenza, dando qualcosa in più al paziente oncologico, e poi si permette agli studenti di formarsi ad un livello molto più elevato”.

In Sicilia si diagnosticano circa 400 nuovi casi ogni anno di mieloma multiplo e si stima che oltre 4.000 persone (numero destinato ad aumentare) convivano tutti i giorni con questa malattia. Tipicamente si presenta dopo i 60 anni ed è più frequente nel sesso maschile. Considerata fino a pochi anni fa una malattia grave e dalla prognosi infausta a breve termine, la ricerca ematologica (tra cui quella italiana ai primi posti internazionali) ha favorito la produzione di farmaci cosiddetti “intelligenti” in grado di selezionare e distruggere le cellule malate.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.