Migliaia di giocattoli pericolosi a Palermo. Finanza in azione :ilSicilia.it
Palermo

denunciati i titolari del negozio

Migliaia di giocattoli pericolosi a Palermo. Finanza in azione

di
6 Aprile 2018

La Guardia di Finanza di Palermo, nell’ambito dell’operazione denominata Bad Toys 2, ha sequestrato in un esercizio commerciale in via Oreto circa 100 mila prodotti potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori e dei bambini.

Tra questi giocattoli, palline, armi giocattolo, scacciapensieri, giochi di spiaggia, molle colorate, fischietti, lanterne, trombette, palloni e bigiotteria di vario tipo.

Le Fiamme Gialle hanno subito notato un livello dei prezzi inferiore rispetto agli standard e quando hanno iniziato a controllare i primi articoli è stato riscontrato che gli stessi erano privi delle prescrizioni per il loro utilizzo in sicurezza, del marchio CE, delle indicazioni relative alla regolare importazione e dell’autorizzazione alla distribuzione sul territorio nazionale.

Esteso il controllo all’intero locale, i finanzieri hanno individuato ulteriori prodotti “irregolari” nel piano interrato, custoditi in uno stato di completo abbandono e in condizioni insalubri.

I responsabili del negozio, madre e figlio di etnia orientale, sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica per violazione alla normativa sulla sicurezza dei prodotti e per i reati di “vendita di cose contraffatte”, “frode in commercio” e “ricettazione”.

Non è la prima volta che nella zona della stazione centrale vengono effettuati controlli a tappeto nei negozi che, spesso, espongono alla vendita merce contraffatta o che non rispettano gli standard di sicurezza. Si tratta di esercizi commerciali che richiamano molta clientela grazie al basso costo dei prezzi praticati ma che potrebbero anche celare dei pericoli dietro a merci poso sicure,.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco