Migliaia di giocattoli pericolosi a Palermo. Finanza in azione :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

denunciati i titolari del negozio

Migliaia di giocattoli pericolosi a Palermo. Finanza in azione

di
6 Aprile 2018

La Guardia di Finanza di Palermo, nell’ambito dell’operazione denominata Bad Toys 2, ha sequestrato in un esercizio commerciale in via Oreto circa 100 mila prodotti potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori e dei bambini.

Tra questi giocattoli, palline, armi giocattolo, scacciapensieri, giochi di spiaggia, molle colorate, fischietti, lanterne, trombette, palloni e bigiotteria di vario tipo.

Le Fiamme Gialle hanno subito notato un livello dei prezzi inferiore rispetto agli standard e quando hanno iniziato a controllare i primi articoli è stato riscontrato che gli stessi erano privi delle prescrizioni per il loro utilizzo in sicurezza, del marchio CE, delle indicazioni relative alla regolare importazione e dell’autorizzazione alla distribuzione sul territorio nazionale.

Esteso il controllo all’intero locale, i finanzieri hanno individuato ulteriori prodotti “irregolari” nel piano interrato, custoditi in uno stato di completo abbandono e in condizioni insalubri.

I responsabili del negozio, madre e figlio di etnia orientale, sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica per violazione alla normativa sulla sicurezza dei prodotti e per i reati di “vendita di cose contraffatte”, “frode in commercio” e “ricettazione”.

Non è la prima volta che nella zona della stazione centrale vengono effettuati controlli a tappeto nei negozi che, spesso, espongono alla vendita merce contraffatta o che non rispettano gli standard di sicurezza. Si tratta di esercizi commerciali che richiamano molta clientela grazie al basso costo dei prezzi praticati ma che potrebbero anche celare dei pericoli dietro a merci poso sicure,.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin