Migliaia di visitatori a Gangi per il decennale del presepe vivente :ilSicilia.it
Palermo

oltre settemila persone

Migliaia di visitatori a Gangi per il decennale del presepe vivente

di
30 Dicembre 2018

Oltre settemila persone hanno invaso i vicoli di Gangi per ammirare la magia  del presepe vivente “Da Nazareth a Betlemme”. Un record per la rappresentazione realizzata nello scenario naturale dell’antico quartiere di Santa Lucia e lungo via Madrice.

Visitatori provenienti da tutta la Sicilia, ma non solo, sono rimasti estasiati dallo spettacolo che ha fatto registrare il massimo delle presenze tanto da costringere gli organizzatori a mettere in scena ulteriori rappresentazioni (fino a notte fonda) per accontentare i numerosi visitatori.

Una Natività diversa da tutte le altre per le caratteristiche ambientazioni ricostruite tra vicoli e slarghi e per la dovizia di particolari presentati durante i quadri rappresentativi, a condire il tutto un profondo spirito cristiano e un’atmosfera magica ricostruita all’interno dei vicoli caratteristici dell’antico borgo medievale.

Una vera e propria monumentale macchina scenica con grande impiego di mezzi e persone, effetti speciali e un cast di attori dilettanti ma anche professionisti che hanno sfidato le temperature rigide del periodo. Considerato uno degli eventi storici più affascinanti e coinvolgenti d’Italia, tanto da ricevere il prestigioso premio ITALIVE 2017.

L’evento è stato realizzato e programmato nei dettagli dall’associazione “Da Nazareth a Betlemme” con la collaborazione della comunità gangitana, l’impegno costante di figuranti e maestranze e il contributo di Comune di Gangi, Bcc, Pro Loco e numerose associazioni locali. La regia è curata da Peppuccio Ballistreri e Carmelo Domina, le musiche sono di Giovanni Germanà, la voce fuori campo di Santi Cicardo, e la consulenza storica di Stefano Sauro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.