"Mignon": tra ironia ed erotismo l'artista Fester Nuccio torna ad esporre a Palermo CLICCA PER VIDEO E FOTO :ilSicilia.it
Palermo

dal 28 dicembre 2021 al 14 gennaio 2022 a piazza Rivoluzione

“Mignon”: tra ironia ed erotismo l’artista Fester Nuccio torna ad esporre a Palermo CLICCA PER VIDEO E FOTO

di
27 Dicembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un po’ porno in tutte le sue accezioni”.

È con una super produzione artistica che Antonio Gregorio Maria “Fester” Nuccio torna a Palermo con “Mignon”. Una personale con cui l’artista intende stuzzicare i molteplici appetiti voyeuristici della città.

La mostra, curata da Danilo Maniscalco, si terrà presso la galleria di Arèa a piazza Rivoluzione 1, dal 28 dicembre 2021 al 14 gennaio 2022.

Il desiderio dell’artista palermitano di tornare ad esporre nella città natale, dopo l’ultima sua personale del 2017, trova il giusto contenitore. Arèa è un luogo urbano dalla notevole carica identitaria in cui i flussi turistici e cittadini incrociano in piena osmosi l’offerta culturale dello spazio polifunzionale della galleria palermitana di Giovanni Lo Verso. 

 L’esposizione

Nel contemporaneo e dinamico spazio saranno esposti una moltitudine di nuovi “tipi nucciani”: 178 dipinti di vario, ma piccolo, formato. Le opere sono tutti oli su tela raffiguranti volti femminili e maschili, santi e personaggi storici, coppie di amanti e coppie di lussuriosi e lussuriose che attendono di mostrarsi per quel che rappresentano: istantanee di condivisione di passioni e pulsioni antropiche; e, tra loro, a spiccare saranno due dittici dedicati al lusso e la voluttà della Belle èpoque, ritraenti per la prima volta insieme in chiave di antitesi: Donna Franca e Ignazio Florio da un lato e dall’altro Ernesto Basile e Donna Ida Negrini Basile.

Mignon” si inaugura il 28 dicembre alle ore 18.00 e sarà fruibile da martedì a sabato dalle ore 11.00 alle ore 19.00 e la domenica dalle 12.00 alle 17.00 prenotandosi al numero +39 338 888 7303. Nel rispetto delle norme anti-Covid vigenti, i visitatori dovranno essere forniti di Green Pass.

Il curatore

Danilo Maniscalco

La mostra – spiega Danilo Maniscalco – il cui titolo tradisce già la dimensione micro e particellare delle opere che saranno esposte, rappresenta, nell’idea dell’artista, un tributo al bisogno di leggerezza e frugalità. Scherzare, amare, scoprire e sperimentare, continuano ad essere attività sensoriali indispensabili persino oltre l’abbrutimento imposto da mascherine e distanze. “Mignon” vuole rappresentare il desiderio concreto di evasione da una realtà a tratti distopica”.

“La cifra stilistica di Antonio si è evoluta dopo 2 anni di pandemia. Da questa mostra il pubblico si deve aspettare tanto divertimento e tanto figurativismo in chiave “pop”, ma soprattutto una grande ironia che farà rilassare dopo tutto questo casino degli ultimi tempi”, conclude.

L’artista

Antonio Gregorio Maria Fester Nuccio

“Sono contento di fare questa mostra e in questo periodo. Non vedo l’ora di vedere tanti amici e tante persone che ancora non conosco e che verranno a divertirsi. Sono contento di esporre da Arèa. E’ uno spazio che ho sempre amato e credo che Giovanni Lo Verso permetta a tantissimi artisti di potersi esprimere. Questo è uno spazio veramente bello e magico che abbraccia questa piazza meravigliosa“, dice Fester.

Giovanni Lo Verso

Giovanni Lo Verso

“Ho fatto la corte a Fester per anni e sono felice di ospitarlo perché è un esempio di come l’arte vince davanti a tutto. Ciò significa che presentare un’operazione del genere, di così importante mole di produzione, non è stata una fatica, ma un grande piacere. Scoprire, aprendo degli scatoloni come degli scrigni pieni di piccoli tesori dove ognuno racconta una storia che esce dalla grande fantasia dell’artista stesso è stata una sorpresa continua fino all’ultimo quadro applicato a parete“.

 

 

 

GUARDA LA GALLERY IN BASSO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.