Migranti a Lampedusa, il sindaco: "Musumeci ha smosso il Governo da un silenzio assordante" :ilSicilia.it
Agrigento

le parole di totò martello

Migranti a Lampedusa, il sindaco: “Musumeci ha smosso il Governo da un silenzio assordante”

di
24 Agosto 2020

“Grazie all’ordinanza di Musumeci finalmente il governo si smuove da un silenzio assordante”. Così il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, in merito all’ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, che prevede lo sgombero degli hotspot e dei centri d’accoglienza nella Sicilia con il trasferimento dei migranti in altre strutture fuori dal territorio regionale.

“Il Presidente del Consiglio – aggiunge il primo cittadino – non può rimanere a guardare dalla finestra quando c’è un’emergenza del genere a Lampedusa e negli altri posti. Non si può continuare a considerare questo sovraffollamento come un mero problema quotidiano. Bisogna intervenire al piu’ presto, quindi chiedo al presidente Conte di intervenire, altrimenti queste ordinanze continueranno”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin