Migranti: fermati due presunti scafisti turchi nel Ragusano :ilSicilia.it
Ragusa

il fatto

Migranti: fermati due presunti scafisti turchi nel Ragusano

di
4 Ottobre 2020

Due presunti scafisti di origine turca, entrambi di 19 anni, sono stati fermati dalla Polizia di Ragusa e dalla Guardia di Finanza di Pozzallo e rinchiusi nel carcere di Ragusa.

Avrebbero trasportato 51 migranti a bordo di un veliero. I migranti di varia nazionalità erano stati soccorsi in mare da 2 pattugliatori della Guardia Costiera, sbarcando al porto di Pozzallo il 3 settembre scorso e trasferiti all’hotspot per trascorrere il previsto periodo di quarantena.

Ciascun migrante avrebbe corrisposto all’organizzazione criminale che ha gestito tutte le fasi del viaggio somme variabili tra i 5.000 ed i 6.000 euro e, dopo essere stati caricati su furgoni e viaggiato per circa 12 ore, avevano raggiunto la costa sud occidentale della Turchia e da lì si erano imbarcati sul veliero con il quale hanno poi navigato per raggiungere le coste italiane.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin