Migranti in mare: la "Jonio" salva 67 naufraghi e li porta a Pozzallo :ilSicilia.it
Ragusa

Uomini, donne e bambini

Migranti in mare: la “Jonio” salva 67 naufraghi e li porta a Pozzallo

di
20 Giugno 2020

E’ previsto per dopo le 18 nel porto di Pozzallo l’arrivo della nave Jonio della Mediterranea Saving Humans con 67 migranti a bordo, salvati nella sera di venerdì 19 giugno da un’imbarcazione a rischio naufragio a 48 miglia da Lampedusa.

Su indicazione del Centro di coordinamento del soccorso marittimo italiano (Mrcc), la nostra nave Mare Jonio si sta ora dirigendo verso il porto di Pozzallo, dopo avere effettuato ieri sera il salvataggio di 67 persone che si trovavano alla deriva, a rischio di naufragio, a 48 miglia da Lampedusa”. Così in una nota Mediterranea Saving Humans.

“Sono stati giorni difficili, in cui abbiamo visto con i nostri occhi la violenza e la morte che attraversano il Mediterraneo – prosegue la nota – Adesso chiediamo che i profughi che siamo riusciti a portare in salvo, provati dalle condizioni terribili di detenzione in Libia e dalla lunga permanenza in mare, possano essere sbarcati senza esitazione, affinché siano dignitosamente accolti in Europa. Chiediamo che la stessa cosa avvenga anche con le 211 persone tratte in salvo da Sea Watch. Chiediamo che le nostre navi vengano messe prima possibile nella condizione di tornare a navigare, perché lì fuori adesso non è rimasto più nessuno a portare soccorso, mentre ogni giorno bambini, donne e uomini annegano nel silenzio o vengono catturati dai miliziani libici e riportati agli orrori da cui stavano cercando di fuggire”.

E’ già pronta la macchina dell’accoglienza a Pozzallo dove i migranti sbarcheranno per poi essere trasferiti nel locale hot spot. Tra l’altro in coincidenza col loro arrivo sulla banchina del porto è prevista una santa messa in onore del co-patrono di Pozzallo, San Giovanni Battista, di cui oggi cominciano i festeggiamenti nella cittadina marinara del Ragusano.

La dichiarazione del deputato nazionale della Lega Nino Minardo

Ci risiamo. Stanno arrivando a Pozzallo altre 67 persone, salvate a nord di Lampedusa. Donne e uomini nelle mani di gente senza scrupoli che di fronte alla mollezza delle nostre istituzioni, approfitta delle condizioni disperate di chi migra e fa soldi sulla pelle della povera gente. Il governo di Roma continua ad autorizzare sbarchi, a vilipendere i siciliani in una regione che si avvicina a diventare ‘Covid free’ solo perché la sua gente è responsabilmente stata a casa, quando doveva e continua a evitare assembramenti e resse adesso”. 

Mentre la Sicilia punta sul turismo per rilanciarsi, per il governo che continua a parlare tanto e a mantenere poco in termini di aiuti, resta sempre terra di approdo, con i rischi consequenziali – conclude – E la mia provincia, con il suo porto di Pozzallo, in particolare, è di nuovo sotto la spada di Damocle del rischio“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin