Migranti, Musumeci attacca Conte: "Il governo spara l'ennesimo colpo alla nuca alla Sicilia" :ilSicilia.it

Intervista a "La Verità"

Migranti, Musumeci attacca Conte: “Il governo spara l’ennesimo colpo alla nuca alla Sicilia”

di
3 Luglio 2020

Da giorni sono ripresi gli sbarchi sulle coste siciliane e “io ho scritto al premier Conte ma lui non risponde mai. Perché? È in serio imbarazzo. Il Governo sta dimostrando di essere insensibile nei confronti di una terra che è stata generosissima sul fronte dell’accoglienza. Adesso chiede di essere aiutata. Invece, mentre cerca di rialzarsi, il governo nazionale gli spara l’ennesimo colpo alla nuca“. È l’accusa che il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, fa al Governo nazionale sulla gestione della questione immigrazione in un’intervista al quotidiano “La Verità“.

Due giorni fa ad Augusta sono arrivati 43 migranti, 8 sono positivi al Coronavirus e si trovano a Noto, nel Siracusano. “Quelli dell’Usmaf, i sanitari del ministero della Salute, non hanno fatto gli accertamenti sulla nave. Le norme, pero’, prescrivono il contrario: vanno controllati prima di sbarcare – afferma Musumeci – Non si vogliono noleggiare le navi. Si ritiene più comodo trovare un qualunque prefetto disposto a dire signorsi’ agli ordini romani. Salvo poi fare pressione sui sindaci“.

E gli sbarchi non si arrestano. “Ci saranno, purtroppo, per tutta l’estate – sottolinea il governatore siciliano – Si parla di oltre 3mila migranti in Sicilia. E c’è un silenzio di tomba sulla situazione del coronavirus in Africa. Il ministro Lamorgese? Spero stia bene. Nessuno può permettere che le nostre città finiscano in pasto alla comunicazione negativa solo per non aver atteso i risultati dei tamponi a bordo. O, come continuiamo a chiedere, perché non si vogliono trovare altre navi“. Il Governo, conclude Musumeci, “ci degna solo qualche funzionario“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin