Migranti, Musumeci attacca Conte: "Il governo spara l'ennesimo colpo alla nuca alla Sicilia" :ilSicilia.it

Intervista a "La Verità"

Migranti, Musumeci attacca Conte: “Il governo spara l’ennesimo colpo alla nuca alla Sicilia”

di
3 Luglio 2020

Da giorni sono ripresi gli sbarchi sulle coste siciliane e “io ho scritto al premier Conte ma lui non risponde mai. Perché? È in serio imbarazzo. Il Governo sta dimostrando di essere insensibile nei confronti di una terra che è stata generosissima sul fronte dell’accoglienza. Adesso chiede di essere aiutata. Invece, mentre cerca di rialzarsi, il governo nazionale gli spara l’ennesimo colpo alla nuca“. È l’accusa che il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, fa al Governo nazionale sulla gestione della questione immigrazione in un’intervista al quotidiano “La Verità“.

Due giorni fa ad Augusta sono arrivati 43 migranti, 8 sono positivi al Coronavirus e si trovano a Noto, nel Siracusano. “Quelli dell’Usmaf, i sanitari del ministero della Salute, non hanno fatto gli accertamenti sulla nave. Le norme, pero’, prescrivono il contrario: vanno controllati prima di sbarcare – afferma Musumeci – Non si vogliono noleggiare le navi. Si ritiene più comodo trovare un qualunque prefetto disposto a dire signorsi’ agli ordini romani. Salvo poi fare pressione sui sindaci“.

E gli sbarchi non si arrestano. “Ci saranno, purtroppo, per tutta l’estate – sottolinea il governatore siciliano – Si parla di oltre 3mila migranti in Sicilia. E c’è un silenzio di tomba sulla situazione del coronavirus in Africa. Il ministro Lamorgese? Spero stia bene. Nessuno può permettere che le nostre città finiscano in pasto alla comunicazione negativa solo per non aver atteso i risultati dei tamponi a bordo. O, come continuiamo a chiedere, perché non si vogliono trovare altre navi“. Il Governo, conclude Musumeci, “ci degna solo qualche funzionario“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.