20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.34

Potrebbe salpare nelle prossime ore

Nuova missione in mare della Ong Mediterranea con l’ex no-global Casarini

1 Luglio 2019

“A brevissimo, questione di ore al massimo un giorno, torneremo in mare con una imbarcazione battente bandiera italiana. E’ la migliore risposta a chi ha fatto una guerra contro chi salva le persone”.

A parlare così è Luca Casarini, capo missione della Ong Mediterranea dalla Rainbow Warrior di Greenpeace nel porto di Palermo. Casarini, proveniente dai centri sociali dell’estrema sinistra, è noto perchè nel 2000 era uno dei  leader della protesta no-global anti G8 a Genova. Negli anni successivi è stato esponente di “Sinistra Ecologia Libertà” e poi di “Sinistra italiana“, di cui due anni fa è stato segretario regionale.

Negli ultimi tempi il suo nome è stato legato alla Ong Mediterranea e alla nave “Mare Jonio”, che a marzo scorso si era resa protagonista di un braccio di ferro con il governo italiano.

Rieccolo nei panni di traghettatore di migranti:

Casarini in una foto d’archivio

“Siamo a bordo di una nave gloriosa per le sue battaglie civili sull’ambiente e sull’ecologia come anche per la democrazia, come le battaglie per i diritti umani che stiamo conducendo – aggiunge Casarini – è incredibile che siamo arrivati a questo punto, ma per noi il crimine è fare morire le persone in mare, farle affogare, consegnarle a carcerieri che hanno lager tipo Auschwitz, dove i bambini sono costretti a vedere le proprie mamme stuprate”.

“Questo è un crimine – ribadisce Casarini – non chi soccorre le persone in mare. Salvare persone non è mai un crimine per noi, mai. Continueremo ad andare in mare, proprio dove non vogliono. La nostra nave Jonio è sotto sequestro perché abbiamo salvato 50 persone, fra cui una bimba di due anni che ora sta bene”.

“La repressione e la criminalizzazione non ci fermano. È troppo forte il desiderio di aiutare le persone e la volontà di non girare la testa dall’altra parte. Nella storia in Europa abbiamo già girato la testa dall’altra parte, di fronte ai campi concentramento, ma questa volta non lo faremo”, ha aggiunto Casarini.

LEGGI ANCHE:

Nave carica di immigrati diretta verso la Sicilia. A guidarla l’ex no global Casarini

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.