Migranti, pescatori di Mazara premiati dal Parlamento Ue. Giuffrida: "Accolta nostra proposta, orgoglio per la Sicilia" :ilSicilia.it
Trapani

Esempio di solidarietà, generosità ed accoglienza nel fenomeno della migrazione

Migranti, pescatori di Mazara premiati dal Parlamento Ue. Giuffrida: “Accolta nostra proposta, orgoglio per la Sicilia”

di
8 Giugno 2017

On. Michela GiuffridaAi pescatori siciliani di Mazara del Vallo è stato conferito il Premio del Cittadino europeo, il riconoscimento che ogni anno il Parlamento europeo attribuisce a singoli o a gruppi che si sono distinti nel rafforzare l’integrazione europea e il dialogo tra i popoli”. Lo annunciano Michela Giuffrida e Cécile Kyenge che hanno proposto e supportato la candidatura.

Mazara del Vallo, nella Sicilia occidentale, ospita la più importante flotta peschereccia del Mediterraneo ed è al contempo la città italiana dove vive, perfettamente integrata, la più numerosa comunità tunisina in Italia. 

“L´idea della candidatura – spiegano le eurodeputate – è nata proprio dall’incontro con i pescatori di Mazara, durante un dibattito organizzato in Sicilia dal Distretto della Pesca, mentre ascoltavamo le loro storie, spesso drammatiche, e le loro richieste nei confronti di una Europa che a loro spesso appare indifferente, sorda. Ci è sembrato naturale, opportuno, candidare al premio quella comunità, fatta di gente semplice che rischia la vita in mare, e che pur tra mille problemi ha offerto più volte il miglior esempio di cittadinanza europea. Diverse volte infatti i pescatori di Mazara del Vallo, impegnati in battute di pesca di lungo raggio nelle acque internazionali antistanti la Libia, hanno salvato centinaia di migranti che intraprendono il viaggio verso l’Europa a bordo di piccole imbarcazioni e che spesso naufragano nel Canale di Sicilia. Sono loro che spesso danno il primo allarme via radio facendo arrivare i soccorsi delle navi della Marina Militare, loro che, quando è emergenza e non c’è un minuto da perdere aspettando l’arrivo delle motovedette, issano a bordo dei loro pescherecci i naufraghi, danno loro abiti, cibo, coperte”.  

“Quando questo accade – proseguono – i pescatori interrompono la battuta di pesca e tornano indietro con i migranti a bordo, con un dispendio di forze, tempo, denaro sottratto alle loro famiglie. Così è andata tante volte, nel silenzio generale, senza chiedere nulla, senza aver avuto fino a questo momento alcun riconoscimento pubblico. Oggi il riconoscimento, su nostra proposta, arriva dal Parlamento europeo ed è un piccolo ma significativo quanto simbolico segnale di un approccio mutato nei confronti di una terra e di un popolo che da sempre costituiscono esempio di solidarietà, generosità ed accoglienza nel fenomeno della migrazione. I pescatori di Mazara del Vallo sono l’incarnazione dell’Europa della condivisione e della solidarietà. Sono loro i veri cittadini europei”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin