Migranti, sciopero della fame sulla Moby Zazà: "Quarantena finita, fateci scendere" :ilSicilia.it
Agrigento

ritardi all'attraccaggio

Migranti, sciopero della fame sulla Moby Zazà: “Quarantena finita, fateci scendere”

di
26 Giugno 2020

Hanno iniziato lo sciopero della fame alcuni dei migranti che sono sulla nave-quarantena “Moby Zazà” che è in rada a Porto Empedocle (Agrigento).

E’ terminato oggi il periodo di sorveglianza sanitaria, avrebbero dovuto lasciare l’imbarcazione per essere trasferiti altrove. Per tutti, il tampone rino-faringeo di controllo è risultato negativo. Pare che lo sbarco sarebbe in ritardo rispetto al previsto e questo avrebbe fatto surriscaldare gli animi, fino alla protesta.

Al momento, sembra che non sia stata ancora trovata una sistemazione sicura per il gruppo. Accanto alla “Moby Zazà” resta il pattugliatore della Guardia di finanza.

Sono 72 i migranti che hanno lasciato l’hotspot di Lampedusa (Agrigento) e che, con il traghetto di linea, sono stati trasferiti verso Porto Empedocle (Agrigento) dove giungeranno in serata. Nella struttura di contrada Imbriacola, sulla più grande delle isole Pelagie, restano, al momento, poco meno di un centinaio di ospiti.

Gli sbarchi non termina in Sicilia. Altri migranti sono stati soccorsi dalla Mare Jonio, la nave di Mediterranea Saving Human, 48 miglia a sud ovest di Lampedusa, in zona sar maltese.

I migranti, afferma la Ong su Twitter, “erano a bordo di un barcone in legno a rischio di affondamento“. Alla Mare Jonio, attorno alle 12.30, era arrivata una segnalazione di un barcone in difficoltà da Alarm Phone secondo il quale a bordo dell’imbarcazione ci sarebbero anche 8 bambini e 20 donne, una delle quali avrebbe partorito in mare. “Tutte le autorità sono informate”.

**AGGIORNAMENTO**

Le operazioni di sbarco dei migranti sono in corso. La Prefettura di Agrigento è, infatti, riuscita a trovare la struttura con il numero di posti disponibili per trasferire i migranti. A ruota, anche il personale sanitario della Croce Rossa lascerà la Moby Zazà: è il giorno del cambio turno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.