Migranti, SeaWatch cambia rotta dopo avere avuto l'ok da Tripoli, Salvini: "Si tratta di una forzatura politica" :ilSicilia.it

il messaggio inviato dal ministro dell'Interno

Migranti, SeaWatch cambia rotta dopo avere avuto l’ok da Tripoli, Salvini: “Si tratta di una forzatura politica”

14 Giugno 2019

Niente Malta. SeaWatch ha cambiato nuovamente rotta: ciondola nel Mediterraneo e gioca sulla pelle degli immigrati, nonostante abbia chiesto e ottenuto un porto da Tripoli“, questo il messaggio inviato dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, all’equipaggio della Seawatch durante un’intervista a Radio Cusano Campus.

Stiamo assistendo all’ennesima sceneggiata – sottolinea – dicono di essere i buoni, ma stanno sequestrando donne e bambini in mezzo al mare. Per loro, porti chiusi!“.

Non pensino di passarla liscia. E’ chiaro ed evidente che si tratta di una forzatura politica sulla pelle di questi disgraziati – spiega Salvini –
Una sfida senza senso con a bordo 53 persone. Noi non ci facciamo dettare le regole dell’immigrazione da una ong tedesca che usa una nave olandese fuorilegge. E’ la terza volta che la stessa nave ha lo stesso comportamento in pochi mesi“.

E’ ora che l’Unione Europea si svegli e che blocchi a terra le partenze rendendo sicuro un porto libico sotto il controllo delle autorità internazionali, per evitare drammi, morti, feriti e annegamenti” conclude il ministro dell’Interno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.