Migranti, un pentito rivela: "Rischio esercito kamikaze in Sicilia" :ilSicilia.it

Tunisino: "Parlo per evitare che succeda"

Migranti, un pentito rivela: “Rischio esercito kamikaze in Sicilia”

di
9 Gennaio 2019

Gommoni veloci per attraversare il Canale di Sicilia in tutta sicurezza con a bordo anche ricercati per terrorismo.

È l’inquietante storia raccontata da un tunisino che ha cominciato a collaborare con gli inquirenti e ha consentito alla Dda di Palermo di fermare i componenti di un’organizzazione criminale che gestiva le traversate verso le coste trapanesi portando in Italia, in cambio di molti soldi, anche pregiudicati e ricercati.

Ha deciso di parlare, ha spiegato, per evitare, ha detto agli inquirenti, che ci si ritrovasse con un esercito di kamikaze in Italia“.

“I clandestini normali – ha ricostruito – pagano 5.000 dinari tunisini mentre le persone che sono ricercate in Tunisia, per vari reati compreso il terrorismo, pagano da 10.000 dinari in su”.

isis“Nel viaggio per la Sicilia insieme a me c’erano altri dieci clandestini, solo uomini, tutti tunisini e all’interno dello scafo c’erano anche 20 scatole di sigarette di contrabbando. Quella notte – ha raccontato – dopo essere sbarcato ed essermi immediatamente allontanato sono andato a Marsala. Pochi giorni dopo, in un bar del centro ho incontrato un mio connazionale di nome Monji Ltaief e ho appreso che era al servizio di un soggetto di nome Fadhel conosciuto anche come Boulaya per via della sua barba molto folta. È ricercato in Tunisia per aver sparato a personale della guardia costiera tunisina e per tale motivo avrebbe da scontare ventuno anni di carcere in quel Paese e per quanto mi è stato detto nel 2011, nel corso della rivoluzione tunisina, sarebbe evaso”.

“Il mio amico – ha aggiunto – si occupa di organizzare i viaggi di almeno tre o quattro gommoni che fanno la spola tra l’Italia e la Tunisia – da località, variabili in prossimità di Mazara del Vallo ed anche da Marsala – con partenze organizzate ogni volta che il meteo lo consente. Come nel mio caso, i gommoni trasportano clandestini e tabacchi nell’ordine di circa dieci clandestini e 20/50 scatole di sigarette per viaggio”.

“Una volta – ha detto – un gommone è riuscito a scappare e a bordo c’erano anche tre ‘barboni’ indicati come terroristi; nel giugno del 2016 ho incontrato un tunisino di nome Ahmed e so per certo che è ricercato in Tunisia per terrorismo ed è arrivato in Italia da qualche mese. Attualmente dovrebbe vivere a Palermo insieme a suo fratello più giovane e ad una ragazza di nome Ameni, forse tunisina. Ha aiutato diversi terroristi a espatriare pare verso l’Italia e per questo motivo – ha spiegato – ritengo che sia egli stesso un terrorista“.

 

LEGGI ANCHE:

Terrorismo pro-Isis e immigrazione clandestina, 15 arresti fra Palermo, Trapani e Caltanissetta | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin