Migrazione e condivisione: torna il Festival delle Letterature migranti :ilSicilia.it
Palermo

Anteprima il 3 ottobre

Migrazione e condivisione: torna il Festival delle Letterature migranti

15 Settembre 2017

Dal 4 all’8 ottobre la città di Palermo ospiterà la terza edizione del “Festival delle Letterature migranti”, con un programma ancora più denso e articolato rispetto alle edizioni precedenti.

Oltre al patrocinio del Comune, infatti, quest’anno la manifestazione, in linea con l’ottica della sinergia e dell’interazione tra le diverse entità non esclusivamente culturali, vanta numerosi partners.

Le parole chiavi su cui si verterà il festival sono “migrazione” e “condivisione“.

L’elemento comune a tutte le attività, un centinaio  fra tavole rotonde, presentazioni di libri, workshop mostre, proiezioni , performance teatrali e progetti musicali, è la contaminazione e la diversificazione dei supporti narrativi.

Non è un festival particolarista – ha detto Davide Camarrone, direttore artistico della manifestazione – ma generalista che non avrà come tema i migranti; mission dell’iniziativa è lavorare sulla consapevolezza della cittadinanza in merito al fenomeno delle migrazioni da intendere come fenomeno sociale e culturale di arricchimento”.

Non un programma vero e proprio da seguire quello proposto in cartellone, dunque, semmai un canone di lettura che possa diventare uno strumento utile nell’interpretazione del contemporaneo, sfruttando la natura migrante della stessa letteratura e delle diverse arti.

Numerose a tal proposito sono le cornici tematiche all’interno delle quali si alterneranno più di centocinquanta ospiti: Alfabeti, dedicata ai fenomeni della contemporaneità; Lost (and Found) in Traslation sul tema della traduzione; Palermo a pezzi, sul racconto della città di Palermo; Meticciati, in merito all’esperienza della mescolanza; e poi ancora Terre perse, sui luoghi che mutano la propria identità; e Come stare al mondo, con interventi di autori che si confrontano con il racconto di come gli esseri umani stiano al mondo.

Inoltre, insieme allo scrittore Giorgio Vasta, sono stati allestiti anche i palinsesti inerenti a Musica, Arti visive, Cinema e Attività con scuole e bambini che coinvolgeranno, tra gli altri, la Scuola di Cinematografia, la GAM, il teatro Biondo, il Museo Pasqualino, il teatro Massimo, il Museo Salinas e il Conservatorio Bellini.

Martedì 3 ottobre, anniversario della strage del naufragio di Lampedusa, ci sarà un’anteprima del festival alla Cala, con l’inaugurazione del “Lungomare delle migrazioni“, come sarà ribattezzata la strada dell’antico porto dal sindaco Orlando.

Alle 20.30, al teatro Massimo, la preview del festival con il concerto del pianista iraniano Ramin Bahrami.

Sul sito www.letteraturemigranti.it il programma dettagliato di tutti gli eventi.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona