Migrazione e condivisione: torna il Festival delle Letterature migranti :ilSicilia.it
Palermo

Anteprima il 3 ottobre

Migrazione e condivisione: torna il Festival delle Letterature migranti

15 Settembre 2017

Dal 4 all’8 ottobre la città di Palermo ospiterà la terza edizione del “Festival delle Letterature migranti”, con un programma ancora più denso e articolato rispetto alle edizioni precedenti.

Oltre al patrocinio del Comune, infatti, quest’anno la manifestazione, in linea con l’ottica della sinergia e dell’interazione tra le diverse entità non esclusivamente culturali, vanta numerosi partners.

Le parole chiavi su cui si verterà il festival sono “migrazione” e “condivisione“.

L’elemento comune a tutte le attività, un centinaio  fra tavole rotonde, presentazioni di libri, workshop mostre, proiezioni , performance teatrali e progetti musicali, è la contaminazione e la diversificazione dei supporti narrativi.

Non è un festival particolarista – ha detto Davide Camarrone, direttore artistico della manifestazione – ma generalista che non avrà come tema i migranti; mission dell’iniziativa è lavorare sulla consapevolezza della cittadinanza in merito al fenomeno delle migrazioni da intendere come fenomeno sociale e culturale di arricchimento”.

Non un programma vero e proprio da seguire quello proposto in cartellone, dunque, semmai un canone di lettura che possa diventare uno strumento utile nell’interpretazione del contemporaneo, sfruttando la natura migrante della stessa letteratura e delle diverse arti.

Numerose a tal proposito sono le cornici tematiche all’interno delle quali si alterneranno più di centocinquanta ospiti: Alfabeti, dedicata ai fenomeni della contemporaneità; Lost (and Found) in Traslation sul tema della traduzione; Palermo a pezzi, sul racconto della città di Palermo; Meticciati, in merito all’esperienza della mescolanza; e poi ancora Terre perse, sui luoghi che mutano la propria identità; e Come stare al mondo, con interventi di autori che si confrontano con il racconto di come gli esseri umani stiano al mondo.

Inoltre, insieme allo scrittore Giorgio Vasta, sono stati allestiti anche i palinsesti inerenti a Musica, Arti visive, Cinema e Attività con scuole e bambini che coinvolgeranno, tra gli altri, la Scuola di Cinematografia, la GAM, il teatro Biondo, il Museo Pasqualino, il teatro Massimo, il Museo Salinas e il Conservatorio Bellini.

Martedì 3 ottobre, anniversario della strage del naufragio di Lampedusa, ci sarà un’anteprima del festival alla Cala, con l’inaugurazione del “Lungomare delle migrazioni“, come sarà ribattezzata la strada dell’antico porto dal sindaco Orlando.

Alle 20.30, al teatro Massimo, la preview del festival con il concerto del pianista iraniano Ramin Bahrami.

Sul sito www.letteraturemigranti.it il programma dettagliato di tutti gli eventi.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.