19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.52
Palermo

"Serve sportello di assistenza sulla misura Resto al Sud"

Mila Spicola: “PD ha messo tantissimi soldi per la Sicilia. Musumeci, ti viene a scinniri

1 Marzo 2018

“Ho letto le considerazioni sul Def e i buoni propositi del governo regionale su lavoro e giovani, bene sui buoni propositi, ma la politica non si fa coi buoni propositi ma con risorse e fatti: il governo nazionale su lavoro e giovani al Sud ha messo soldi e detassazioni a chi assume a tempo indeterminato, adesso servono supporto alle imprese e sburocratizzazione”. Così Mila Spicola, candidata alla Camera nelle liste del Partito Democratico nel collegio di Palermo.

resto al sud“Mi riferisco anche alla misura Resto al Sud, che dovrebbe essere più pubblicizzata e supportata dal governo regionale; sono soldi in parte a fondo perduto e in parte di microcredito – vero e sostanzioso – per le imprese giovanili al Sud. In solo un mese già 6mila domande dalle regioni del Sud e nella sola Sicilia 200 già sono in elaborazione fattuale. Ci sono dunque già quasi pronte 200 realtà nuove di economia produttiva, con accompagnamento d’impresa di Invitalia. Abbiamo il dovere di sostenerle, non facendole morire di “stenti burocratici”. Ecco come stiamo aiutando i giovani a rimanere al Sud. Concretamente. Non coi sussidi o il lavoro improduttivo ma col lavoro vero, quello che crea sviluppo e crescita nei territori difficili. E ci sono tanti soldi messi e nessuna scadenza: 1 miliardo e 300milioni disponibili”.

“Ho chiesto al rettore Fabrizio Micari – prosegue Mila Spicola – se si può mettere in piedi uno sportello di assistenza sulla misura Resto al Sud, così come ha fatto l’Università di Bari e così chiederò agli altri tre atenei siciliani: università e territorio devono andare avanti in questo progetto per creare economia sana e sviluppo nel territorio in modo efficace ed efficiente. E lo stesso chiedo al governatore Musumeci e all’assessore Armao: una task force di assistenza tecnica a supporto dei giovani talenti che vogliono darsi da fare qui”.

I governi PD hanno messo tantissimi soldi per la Sicilia, su infrastrutture, su lavoro, su cantieri, su imprese, su giovani e su defiscalizzazioni, adesso stanno arrivando. Come diceva mia nonna a voi del nuovo governo regionale vi viene “a scinniri”, ma facciamoli fruttare. Al di là delle parti: facciamoli fruttare”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.