Mila Spicola: "PD ha messo tantissimi soldi per la Sicilia. Musumeci, ti viene a scinniri” :ilSicilia.it
Palermo

"Serve sportello di assistenza sulla misura Resto al Sud"

Mila Spicola: “PD ha messo tantissimi soldi per la Sicilia. Musumeci, ti viene a scinniri

di
1 Marzo 2018

“Ho letto le considerazioni sul Def e i buoni propositi del governo regionale su lavoro e giovani, bene sui buoni propositi, ma la politica non si fa coi buoni propositi ma con risorse e fatti: il governo nazionale su lavoro e giovani al Sud ha messo soldi e detassazioni a chi assume a tempo indeterminato, adesso servono supporto alle imprese e sburocratizzazione”. Così Mila Spicola, candidata alla Camera nelle liste del Partito Democratico nel collegio di Palermo.

resto al sud“Mi riferisco anche alla misura Resto al Sud, che dovrebbe essere più pubblicizzata e supportata dal governo regionale; sono soldi in parte a fondo perduto e in parte di microcredito – vero e sostanzioso – per le imprese giovanili al Sud. In solo un mese già 6mila domande dalle regioni del Sud e nella sola Sicilia 200 già sono in elaborazione fattuale. Ci sono dunque già quasi pronte 200 realtà nuove di economia produttiva, con accompagnamento d’impresa di Invitalia. Abbiamo il dovere di sostenerle, non facendole morire di “stenti burocratici”. Ecco come stiamo aiutando i giovani a rimanere al Sud. Concretamente. Non coi sussidi o il lavoro improduttivo ma col lavoro vero, quello che crea sviluppo e crescita nei territori difficili. E ci sono tanti soldi messi e nessuna scadenza: 1 miliardo e 300milioni disponibili”.

“Ho chiesto al rettore Fabrizio Micari – prosegue Mila Spicola – se si può mettere in piedi uno sportello di assistenza sulla misura Resto al Sud, così come ha fatto l’Università di Bari e così chiederò agli altri tre atenei siciliani: università e territorio devono andare avanti in questo progetto per creare economia sana e sviluppo nel territorio in modo efficace ed efficiente. E lo stesso chiedo al governatore Musumeci e all’assessore Armao: una task force di assistenza tecnica a supporto dei giovani talenti che vogliono darsi da fare qui”.

I governi PD hanno messo tantissimi soldi per la Sicilia, su infrastrutture, su lavoro, su cantieri, su imprese, su giovani e su defiscalizzazioni, adesso stanno arrivando. Come diceva mia nonna a voi del nuovo governo regionale vi viene “a scinniri”, ma facciamoli fruttare. Al di là delle parti: facciamoli fruttare”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin