Milazzo (Forza Italia) a "Bar Sicilia": "Ora un nuovo assessore al Bilancio. Con Salvini? Dialoghiamo" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

Milazzo (Forza Italia) a “Bar Sicilia”: “Ora un nuovo assessore al Bilancio. Con Salvini? Dialoghiamo” | VIDEO

di
23 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video della 68ª puntata

Per la 68ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 23 giugno 2019, è nostro ospite Giuseppe Milazzo, capogruppo di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana e neoeletto al parlamento di Strasburgo alle recenti europee del 26 maggio. 

Milazzo afferma che la sua vittoria alle europee è un segnale chiaro di un partito che ha fatto una scelta: “Bisogna accettare il risultato elettorale e accettare di restare in un partito in cui si rispettano le regole. Se vuoi stare in Forza Italia devi accettarne le regole e accettare il risultato che ha visto vincere la linea politica, che è di Miccichè ma anche dell’intera classe dirigente siciliana, fra cui tutto il gruppo parlamentare all’Ars che ha sostenuto la mia candidatura. Il 17 per cento ottenuto è frutto del lavoro di Gianfranco Miccichè e gli va riconosciuto”.

Non usa mezzi termini, poi, spiegando la bagarre della scorsa settimana all’Ars, quando ha attaccato in Aula il proprio collega di partito e vicepresidente della Regione Gaetano Armao: “Armao ha avuto un’opportunità. Forza Italia lo ha voluto assessore al Bilancio e vicepresidente della Regione, ma per quanto mi riguarda se la è bruciata. E’ un assessore fallimentare, perchè non ha portato un solo risultato concreto per la Sicilia. Se noi dicessimo che tutto va bene diremmo una bugia: l’accordo che ha sottoscritto con lo Stato non va bene per com’è stato fatto”. Riguardo al rimpasto nel governo regionalefa bene Musumeci – dice – a prendersi il suo tempo: ma oltre ai nuovi assessori ai Beni culturali e al turismo ci vuole anche un nuovo assessore al Bilancio, che non sia solo tecnico ma politico”. 

In merito alle prossime alleanze dei berlusconiani, a suo dire il futuro è quello di una grande coalizione di centrodestra: “Agli elettori – sottolinea – non interessano dinamiche complesse, complotti o calcoli: la gente vuole una Forza Italia che parli un linguaggio chiaro, come fa Salvini. Lo cito come fenomeno sociale: Salvini parla di tre/quattro punti e prende tanti voti. Pure noi abbiamo preso molti voti in Sicilia, perchè con Miccichè abbiamo parlato in modo chiaro, con temi in parte diversi da quelli della Lega, ma questo è naturale in una coalizione in cui ci dovranno essere diverse anime. Il futuro non è in una coalizione fra Lega e Fratelli d’Italia che escluda Forza Italia, ma occorre ricondurre il confronto al centrodestra, nonostante alcuni argomenti ci separino giustamente da Salvini, come il tema dell’immigrazione”. 

Guarda in alto il video della 68ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin