Militari armati davanti una scuola nel Messinese: scatta il panico a causa del Covid :ilSicilia.it
Messina

come in un film

Militari armati davanti una scuola nel Messinese: scatta il panico a causa del Covid

di
21 Ottobre 2020

Militari armati ad attendere scolari e genitori davanti la scuola elementare per dare la “caccia” al coronavirus.

Ecco cosa hanno trovato stamattina, davanti l’istituto Pietro Donato, a Paradiso, in provincia di Messina, i bambini mentre si recavano in classe.

Inevitabilmente è scattato il panico e, per la paura, molti di loro hanno chiesto ai loro genitori “Ma c’è la guerra?“, altri sono scoppiati a piangere, proprio perché sembrava essere in una scena di qualche film americano.

A tutto c’è un limite, i militari armati dentro le scuole no – ha scritto in un post di facebook il garante per l’Infanzia, Fabio Costantino. il quale promette di coinvolgere la Prefettura.

Sono certo che avremo riscontro – infatti scrive – Siamo tutti preoccuparti per l’aumento della curva dei contagi ma non è terrorizzando i bambini, già provati da numerose rinunce, che riusciremo a contenere il contagio. Non perdiamo il buon senso! Verrà il tempo in cui dovremo prenderci seriamente cura dei nostri fantasmi interni”.

A tal proposito è intervenuto anche consigliere della V Circoscrizione Franco Laimo, presidente della Commissione Politiche Sociali: “Sembra uno scenario da film hollywoodiano o di vero stato di guerra quello che stamani è accaduto. il Garantesta già lavorando per intessere un dialogo con la prefettura ed il comandante del V Reggimento Aosta”.

Un bambino di pochi anni cosa può pensare vivendo uno scenario del genere? – si chiede Laimo  e conclude –  I bambini hanno già vissuto un trauma forte durante il periodo del lockdown, provandoli dei semplici rapporti umani e dei contatti con coetanei ed insegnanti. Questo episodio è alquanto grave e fuori ogni forma e comprensione educativa e di vita. Vi è un limite a tutto e quando si arriva a toccare l’animo del bambino dietro terrorismi assurdi e ingiustificati, significa che davvero non si sta comprendendo il male che si sta facendo a questi poveri bambini!  Non siamo in guerra.  Dobbiamo solo imparare a convivere con un nuovo virus, come abbiamo fatto con tutti gli altri”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin