"Mille alberi da abbattere a Palermo", le associazioni diffidano il Comune. Amella: ''Necessario un piano adeguato'' :ilSicilia.it
Palermo

In totale sono 12 tra comitati e associazioni a puntare il dito contro l'amministrazione

“Mille alberi da abbattere a Palermo”, le associazioni diffidano il Comune. Amella: ”Necessario piano adeguato”

di
16 Febbraio 2018

E’ stata presentata al comune di Palermo, all’assessorato al Verde e alla Vivibilità urbana, una diffida da parte di dodici comitati e associazioni e varie realtà attente alle questioni del verde urbano. Il documento riguarda gli oltre mille abbattimenti di alberi su suolo pubblico che l’amministrazione di Palermo si appresterebbe a effettuare, perché ritenuti ‘pericolosi’.

Secondo quanto riportato nell’atto presentato dalle organizzazioni civiche, queste si dissociano dall’Amministrazione: ”Riguardo il modo in cui viene gestito il verde urbano; sul fatto che si impiantano tipologia di alberi non adatte agli spazi urbani; sull’assente o cattiva manutenzione degli alberi; sulle potature fuori tempo; sugli abbattimenti eseguiti in assenza di opportune indagini; sul fatto che non si mettono in atto quasi mai soluzioni alternative all’abbattimento; sulle mancate compensazioni del verde abbattuto previste per legge; sulla non osservanza del regolamento del verde comunale, delle leggi nazionali in materia di censimento del verde”.

Un documento che esprime “sgomento” da parte della cittadinanza oltre che “rabbia” e “indignazione” sul fatto che gli abbattimenti, certamente alcune volte necessari per la sicurezza dei cittadini, a Palermo – stando alla denuncia – sarebbero diventati la norma piuttosto che l’eccezione.

Sulla questione, interviene la consigliera Comunale Concetta Amella (M5s), componente della terza commissione (competente anche per Ville e Giardini), che afferma ”sui numeri non confermo, perché probabilmente quel dato è il frutto di precedenti abbattimenti previsti negli anni precedenti. Secondo quanto io stessa ho verificato ad oggi ne risultano circa cinquecento”. 

“Da settimane – aggiunge – la mia commissione ha insistito per avere il piano degli abbattimenti certificati dalla ditta a cui si rivolge il Comune per questo tipo di valutazione, ma non è mai arrivato nulla. La cosa veramente grave è che dopo avere tolto gli alberi non segue mai una compensazione che è prevista per Legge. Ero consapevole che sarebbe arrivata questa diffida da parte delle associazioni, perché chiedono, giustamente, che sia, intanto, verificata la reale necessità di abbattere gli alberi, ma soprattutto che dopo ne vengano piantati altri, ma di questo il Comune non se ne preoccupa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.