Milleproroghe: passo in avanti per le Zone Franche in Sicilia :ilSicilia.it

la nota delle deputate di FI

Milleproroghe: passo in avanti per le Zone Franche in Sicilia

21 Febbraio 2020

“Un significativo passo in avanti per le zone franche doganali in Sicilia. Questo l’esito dei lavori sul decreto milleproroghe appena concluso e che ha visto l’approvazione di un ordine del giorno che abbiamo presentato in Aula al fine di scongiurare irragionevoli effetti discriminatori in danno dell’attuale amministrazione regionale che, al riguardo, ha quale unica responsabilità la continuità amministrativa”. Lo affermano in una nota congiunta Giusi Bartolozzi e Patrizia Marrocco, deputate di Forza Italia.

Giusi Bartolozzi
Giusi Bartolozzi

“Le zone franche godono di determinati vantaggi fiscali per lo svolgimento di attività economiche ma la vigente normativa precluderebbe l’istituzione delle predette zone franche doganali a quelle Regioni (come la Sicilia) che non hanno ancora attivato le ZES e, conseguentemente, costituito il relativo Comitato d’indirizzo; pertanto, al fine di consentire l’attuazione della predetta norma anche nei confronti delle Regioni il cui Piano di Sviluppo Strategico è in corso di approvazione da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, abbiamo ritenuto opportuno proporre la modifica dell’art. 5, comma 1, lettera a) sexies, prevedendo, come termine per la presentazione da parte del Comitato d’indirizzo della perimetrazione di dette zone franche doganali, il biennio successivo all’istituzione delle ZES di cui all’articolo 4, comma 5, del D.L. 20-6-2017 n. 91. L’accoglimento integrale dell’ODG impegna indubbiamente il Governo nella direzione da noi fortemente invocata. Viene così scongiurata una discriminazione che avrebbe danneggiato alcune ZES come quelle siciliane, che così potranno attrarre investimenti più efficacemente”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona