Minacce di morte sui social a Salvini e all'assessore di Catania Fabio Cantarella :ilSicilia.it
Catania

su facebook

Minacce di morte sui social a Salvini e all’assessore di Catania Fabio Cantarella

di
30 Giugno 2020

La Polizia postale e delle comunicazione ha avviato un’indagine su minacce di morte recapitate all’assessore leghista di Catania, Fabio Cantarella, e all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini.

È stato lo stesso Cantarella a presentare la denuncia evidenziando delle minacce di morte con chiari riferimenti al fascismo su internet, in alcuni post anche le foto di piazzale Loreto con Benito Mussolini esanime per terra.

In particolare le vi sarebbero stati degli eloquenti riferimenti al fascismo, accostato alle politiche della Lega in tema di sovranismo e controllo del territorio in cui si ‘pretende’ ordine e disciplina. In un post con commenti minacciosi in cui si legge: “Al momento giusto riceverai ciò che ti spetta…”.

Cantarella ha così commentato: “Tutto questo è disgustoso e inaccettabile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.