Minaccia di morte la figlia che non accetta nozze: "se non fai come dico io ti elimino" :ilSicilia.it
Ragusa

Il fatto è accaduto a Comiso

Minaccia di morte la figlia che non accetta nozze: “se non fai come dico io ti elimino”

di
13 Giugno 2018

Non accettava alcun rifiuto. La figlia di 16 anni era stata promessa in sposa a un connazionale di 23 anni, benestante in Tunisia. E quel matrimonio doveva essere celebrato senza storie. Eppure la ragazza non era d’accordo. Ed ecco allora le minacce: “se non fai come dico io ti elimino“.

Avvertimenti che hanno fatto scattare a Comiso una misura cautelare di allontanamento dalla famiglia nei confronti di un tunisino di 44 anni che aveva annunciato di uccidere una delle sue figlie se non avesse soggiaciuto alle nozze combinato in Nord Africa. Le indagini condotte dalla polizia sono state avviate quando la sedicenne è scappata da casa a causa di un ulteriore litigio con il genitore che a sua volta è andato in questura per denunciarne la scomparsa.

Le ricerche effettuate la stessa sera di qualche giorno fa e protrattesi fino a tarda ora furono senza risultato, ma l’indomani mattino gli agenti rintracciarono la ragazza mentre andava a scuola con una amica, nella cui abitazione aveva trascorso la notte senza dare notizia i genitori. Gli investigatori sentendo tra l’altro anche i professori scoprirono che la studentessa, da un po’ di tempo aveva problemi in casa perché manifestava la sua riluttanza a fidanzarsi con quel ragazzo di 23 anni, benestante, di conoscenza del padre e residente in Tunisia.

La giovane, sentita anche con il supporto di una psicologa dell’associazione gruppo D, ha raccontato di essere impaurita dal comportamento che il padre assume sempre, con maltrattamenti in famiglia oppressivi e mortificanti. L’uomo, inoltre secondo le indagini, dilapidava le risorse economiche familiari con il vizio del gioco e dell’alcool.

Spesso prendeva utensili e piatti fracassandoli sul pavimento per intimorire le donne.

Aveva, inoltre, preteso che la coniuge e la figlia abbandonassero i costumi e modi tipici degli occidentali per vivere da veri musulmani. Divieto inoltre per la ragazza di frequentare la scuola. Esaltava quei padri musulmani, commentando fatti di cronaca, che uccidono le figlie non consenzienti al loro volere e che, prima o poi, lui avrebbe fatto lo stesso con la figlia.

Il gip del tribunale concordando con le richieste ha emesso nei confronti dell’uomo una misura cautelare di allontanamento dalla casa familiare nonché il divieto per l’uomo di avvicinarsi alla scuola frequentata dalla figlia o a meno di 200 metri dalla stessa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin