Minardo Commissario Lega, Pagano: “La Sicilia ai siciliani è il regalo di Matteo Salvini" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Minardo Commissario Lega, Pagano: “La Sicilia ai siciliani è il regalo di Matteo Salvini”

di
24 Dicembre 2020

“Avere avuto Nino Minardo quale nuovo Commissario regionale della Lega alla vigilia del Santo Natale, è stato il più bel regalo che Matteo Salvini poteva fare ai siciliani”, così esordisce Alessandro Pagano, Vice CapoGruppo della Lega a Montecitorio.

“Senza togliere meriti a Stefano Candiani, che ringraziamo di cuore per aver dato ai leghisti di Sicilia la mentalità di militanti, necessaria per affrontare i primi vagiti del Partito, era però indispensabile procedere ad un salto qualitativo ‘affidando la Sicilia ai Siciliani’, così come da testuali parole di Matteo Salvini. Siamo molto contenti della nomina di Nino Minardo a cui tutti abbiamo contribuito costruendo un clima politico interno favorevole e positivo. A Nino Minardo gli auguri di vero cuore affinché il nostro partito diventi anche in Sicilia il primo e il più votato”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin