Minardo su Musumeci: "Nessun complotto contro di lui ma malessere diffuso" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Minardo su Musumeci: “Nessun complotto contro di lui ma malessere diffuso”

di
14 Gennaio 2022

Non esiste alcun complotto contro Nello Musumeci, c’è un malessere diffuso. Franchi tiratori? E’ una caccia alle streghe“. Così all’Italpress il deputato nazionale e segretario regionale della Lega Sicilia, Nino Minardo. “Quello che è successo l’altro ieri all’Ars palesa un problema sul piano politico all’interno della maggioranza – sottolinea Minardo-. Bisogna capire come proseguire questo scorcio di legislatura e poi come organizzare i prossimi appuntamenti elettorali“.

Il segretario della Lega si è anche soffermato su quanto affermato dal presidente della Regione nel corso di una diretta Facebook, l’altro ieri sera: “Comprendo l’amarezza, ma non comprendo l’attacco ai deputati e al voto segreto che per provvedimenti come quello dell’elezione dei delegati per il voto del Capo dello Stato è previsto dalla Costituzione a garanzia della libertà di espressione. Io difendo invece il voto segreto, tanto che lo stesso presidente della Repubblica viene votato a voto segreto“.

Sulla decisione di Musumeci di volere azzerare la giunta, Minardo spiega: “Io non voglio esprimermi su questa scelta, anche perché non mi ha fatto piacere apprendere da un video su Facebook questa volontà. Tra l’altro mi sembra che non sia stato compiuto questo azzeramento. Sono dell’idea che discutere, confrontarsi, parlarsi ed essere prudenti, prima di fare delle scelte, sia importante. Magari d’istinto uno prende una decisione e poi dopo qualche ora si maturano scelte diverse“.

Per Minardo centrale – al momento – sono le questioni che riguardano la Sicilia, con i suoi problemi da risolvere: “Da siciliano – e credo che sia anche ciò che si aspettano i cittadini – in un momento così delicato sul piano sanitario, sul fronte economico e per gli altri problemi tra cui quelli della spazzatura, del settore turistico, quello della scuola, credo che la politica debba occuparsi di questo; il resto è per gli addetti ai lavori e credo che sia giusto che rimanga argomento tra addetti ai lavori“.

Sul futuro, infine Minardo conclude: “Il confronto e il dialogo è sempre bene averlo, c’è l’esigenza tutti insieme di governare le emergenze fino a fine legislatura, il dopo sarà una questione che la coalizione discuterà nel momento opportuno“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin