Mini-finanziaria arriva un nuovo rinvio all'Ars. La maggioranza cerca l'amalgama :ilSicilia.it

Il cammino del'collegato' all'Ars

Mini-finanziaria, arriva un nuovo rinvio all’Ars. La maggioranza cerca l’amalgama

di
30 Maggio 2018

Si erano riuniti in un vertice di maggioranza mattutino ieri con il governatore siciliano Nello Musumeci in 25. Pezzi di maggioranza di un centrodestra che deve ancora mettere a fuoco gli obiettivi e il passo con cui procedere in questa legislatura. Ma in fondo, alla fine, è servito a poco.

Che l’atmosfera non fosse brillante in termini di operatività, del resto all’Ars lo si era visto dai segnali che non erano mancati. Dopo la lettura del verbale della seduta precedente, di fronte a una sala d’Ercole semivuota, il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, aveva sospeso i lavori per qualche minuto convocando i capigruppo.

Alla fine la linea della maggioranza (risicata) che sostiene l’esecutivo a guida Musumeci, ha avuto la meglio: se ne riparlerà in Aula dopo le elezioni amministrative del 10 giugno. Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè ha messo in campo due ipotesi possibili, il 12 o il 13 giugno. La presidenza dell’Ars aspetta conferma da parte del cerimoniale della Repubblica di Malta a proposito della richiesta fatta dal presidente di tenere a Sala d’Ercole una seduta solenne il 12 giugno.

In mattinata, dicevamo, il vertice aveva messo a punto alcune linee di intervento da adottare su norme di settore ritenute strategiche dal governo regionale come la riforma dell’Ente di sviluppo risorse agricole.

Dovrebbe nascere un ente strumentale della Regione che sia in grado di interfacciarsi in maniera dinamica e vada oltre i movimenti appesantiti di un carrozzone ritenuto ormai fuori dal tempo con attività che potrebbero supportare l’istruttoria delle pratiche comunitarie o facilitando la creazione di un’interfaccia dell’Agea nazionale che eroga alcune risorse di settore. Tra i nodi da sciogliere per il nuovo soggetto, il problema del personale che non si può risolvere automaticamente in termini di semplice transito alla Regione. Già in passato il Commissario dello Stato impugnò la norma. Dubbi anche sulla possibilità che la Regione subentri nelle attività attive e passive dell’Esa, mentre non sarebbe nota in la situazione debitoria, ancora da definire in dettaglio.

Polemico ieri in aula il leader pentastellato Giancarlo Cancelleri: “Non vorrei che questo collegato diventasse qualcosa di indefinito, un mostro dalle mille teste dove arriva e si infilano le norme che ci siamo dimenticati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.