Mini-finanziaria arriva un nuovo rinvio all'Ars. La maggioranza cerca l'amalgama :ilSicilia.it

Il cammino del'collegato' all'Ars

Mini-finanziaria, arriva un nuovo rinvio all’Ars. La maggioranza cerca l’amalgama

di
30 Maggio 2018

Si erano riuniti in un vertice di maggioranza mattutino ieri con il governatore siciliano Nello Musumeci in 25. Pezzi di maggioranza di un centrodestra che deve ancora mettere a fuoco gli obiettivi e il passo con cui procedere in questa legislatura. Ma in fondo, alla fine, è servito a poco.

Che l’atmosfera non fosse brillante in termini di operatività, del resto all’Ars lo si era visto dai segnali che non erano mancati. Dopo la lettura del verbale della seduta precedente, di fronte a una sala d’Ercole semivuota, il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, aveva sospeso i lavori per qualche minuto convocando i capigruppo.

Alla fine la linea della maggioranza (risicata) che sostiene l’esecutivo a guida Musumeci, ha avuto la meglio: se ne riparlerà in Aula dopo le elezioni amministrative del 10 giugno. Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè ha messo in campo due ipotesi possibili, il 12 o il 13 giugno. La presidenza dell’Ars aspetta conferma da parte del cerimoniale della Repubblica di Malta a proposito della richiesta fatta dal presidente di tenere a Sala d’Ercole una seduta solenne il 12 giugno.

In mattinata, dicevamo, il vertice aveva messo a punto alcune linee di intervento da adottare su norme di settore ritenute strategiche dal governo regionale come la riforma dell’Ente di sviluppo risorse agricole.

Dovrebbe nascere un ente strumentale della Regione che sia in grado di interfacciarsi in maniera dinamica e vada oltre i movimenti appesantiti di un carrozzone ritenuto ormai fuori dal tempo con attività che potrebbero supportare l’istruttoria delle pratiche comunitarie o facilitando la creazione di un’interfaccia dell’Agea nazionale che eroga alcune risorse di settore. Tra i nodi da sciogliere per il nuovo soggetto, il problema del personale che non si può risolvere automaticamente in termini di semplice transito alla Regione. Già in passato il Commissario dello Stato impugnò la norma. Dubbi anche sulla possibilità che la Regione subentri nelle attività attive e passive dell’Esa, mentre non sarebbe nota in la situazione debitoria, ancora da definire in dettaglio.

Polemico ieri in aula il leader pentastellato Giancarlo Cancelleri: “Non vorrei che questo collegato diventasse qualcosa di indefinito, un mostro dalle mille teste dove arriva e si infilano le norme che ci siamo dimenticati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin