Ministero della giustizia: concorso straordinario per 2700 cancellieri esperti :ilSicilia.it

il bando

Ministero della giustizia: concorso straordinario per 2700 cancellieri esperti

di
14 Dicembre 2020

Il Ministero della giustizia, dopo la recente pubblicazione del concorso per il reclutamento di 400 Direttori dell’Amministrazione Giudiziaria e per 150 funzionari giudiziari, ha indetto una nuovissima procedura concorsuale (testo in calce) per l’assunzione di complessive 2700 unità di personale non dirigenziale a tempo indeterminato per il profilo di cancelliere esperto, da inquadrare nell’Area funzionale seconda, fascia economica F3, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia.

Il concorso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

I posti a concorso sono così ripartiti:

  • codice CASS – Uffici giudiziari nazionali e amministrazione centrale – 113 unità;
  • codice AN – Distretto della Corte di appello di Ancona – 61 unità;
  • codice BA – Distretto della Corte di appello di Bari – n. 80 unità;
  • codice BO – Distretto della Corte di appello di Bologna – n. 136 unità;
  • codice BS – Distretto della Corte di appello di Brescia – n. 65 unità;
  • codice CA – Distretto della Corte di appello di Cagliari – n. 80 unità;
  • codice CL – Distretto della Corte di appello di Caltanissetta – n. 31 unità;
  • codice CB – Distretto della Corte di appello di Campobasso – n. 20 unità;
  • codice CT – Distretto della Corte di appello di Catania – n. 99 unità;
  • codice CZ -Distretto della Corte di appello di Catanzaro – n. 111 unità;
  • codice FI – Distretto della Corte di appello di Firenze – n. 125 unità;
  • codice GE – Distretto della Corte di appello di Genova – n. 65 unità:
  • codice AQ – Distretto della Corte di appello dell’Aquila – n. 48 unità;
  • codice LE – Distretto della Corte di appello di Lecce – n. 66 unità;
  • codice ME – Distretto della Corte di appello di Messina – n. 62 unità;
  • codice MI – Distretto della Corte di appello di Milano – n. 262 unità;
  • codice NA – Distretto della Corte di appello di Napoli – n. 308 unità;
  • codice PA – Distretto della Corte di appello di Palermo – n. 180 unità;
  • codice PG- Distretto della Corte di appello di Perugia – n. 20 unità;
  • codice PZ – Distretto della Corte di appello di Potenza – n. 40 unità;
  • codice RC – Distretto della corte di appello di Reggio Calabria – n. 85 unità;
  • codice RM – Distretto della Corte di appello di Roma – n. 242 unità;
  • codice SA – Distretto della Corte di appello di Salerno – n. 62 unità;
  • codice TO – Distretto della Corte di appello di Torino – n. 187 unità;
  • codice TS – Distretto della Corte di appello di Trieste – n. 41 unità;
  • codice VE – Distretto della Corte di appello di Venezia – n. 111 unità.

Per poter accedere è indispensabile essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  • di un’età non inferiore a 18 anni;
  • di una posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva;
  • del godimento dei diritti civili e politici;
  • di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado quinquennale o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorità, oppure titolo di studio superiore, riconosciuto ai sensi della normativa vigente.

Inoltre, per poter partecipare al concorso, i candidati dovranno possedere almeno uno dei seguenti titoli:

  • avere prestato servizio nell’amministrazione giudiziaria per almeno tre anni, senza demerito;
  • avere svolto le funzioni di magistrato onorario, per almeno un anno, senza essere incorso in sanzioni disciplinari;
  • essere stato iscritto all’albo professionale degli avvocati, per almeno due anni consecutivi, senza aver riportato condanne penali;
  • avere svolto, per almeno cinque anni scolastici interi (ivi compresi i periodi di docenza svolti in attività di supplenza annuale), attività di docente di materie giuridiche nella classedi concorso A-46 Scienze giuridico-economiche (ex19/A) presso scuole secondarie di II grado;
  • avere prestato servizio nelle forze di poliziaad ordinamento civile o militare, nel ruolo degli ispettori, o nei ruoli superiori, per almeno cinque anni.

La domanda

Le domande dovranno essere inviate esclusivamente secondo modalità telematiche, compilando il modulo on-line sul sito del Ministero della Giustizia.

Le stesse dovranno essere presentate entro 30 giorni decorrenti dal giorno successivo a quello di pubblicazione dell’avviso del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana IV Serie Speciale – Concorsi, ovvero entro e non oltre l’11 gennaio 2021.

La selezione

Nello specifico, il punteggio complessivo attribuibile a ciascun candidato è pari a 105 punti di cui 35 per i titoli e 70 per la prova orale.

La ripartizione del punteggio per i titoli è così suddivisa:

  • sino a punti 5,00 per il voto di diploma;
  • punti 4,00 per ogni anno (e punti 1,00 per ogni ulteriore frazione superiore a tremesi) successivo al terzo di servizio nell’amministrazione giudiziaria, senza demerito;
  • punti 3,00 per ogni anno (e punti 0,75 per ogn iulteriore frazione superiore a tre mesi) successivo al primo di svolgimento delle funzioni di magistrato onorario,senza essere incorso in sanzioni disciplinari;
  • punti 3,00 per ogni anno (e punti 0,75 per ogni ulteriore frazione superiore a tre mesi) di iscrizione all’albo professionale degli avvocati, senza essere incorso in sanzioni disciplinari (esclusi gli anni richiesti come requisito di partecipazione);
  • punti 2,00 per ogni anno intero (e punti 0,50 per ogni ulteriore frazione superiore a tre mesi) successivo al quinto di svolgimento dell’attività di docente di materie giuridiche nella classe di concorso A-46 Scienze giuridico-economiche (ex 19/A) presso scuole secondarie di secondo grado aventi sede nel Distretto per il quale è stata presentata la domanda;
  • punti 2,00 per ogni anno (e punti 0,50 per ogni ulteriore frazione superiore a tre mesi) successivo al quinto di servizio nelle forze di polizia ad ordinamento civile o militare, nel ruolo degli ispettori, o nei ruoli superiori;
  • punti 6,00 a coloro che hanno svolto, con esito positivo, il tirocinio presso Uffici giudiziari ai sensidell’art.73 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito,co nmodificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, attestato ai sensi del comma 11 del suddetto articolo;
  • punti 5,00 a coloro che hanno svolto, con esito positivo, l’ulteriore periodo di perfezionamento nell’ufficio per  il procsso ai sensi dell’art.16-octies,comma 1-bis e comma 1-quater del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, come modificato dall’art.50 del decreto-legge 24 giugno2014, n.90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114;
  • punti 3,00 a coloro che hanno completato, con esito positivo, il tirocinio formativo ai sensi dell’art. 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98,convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n.111.

Potranno sostenere l’esame orale solo un numero di candidati pari a tre volte il numero dei posti messi a concorso per ciascun distretto giudiziario.

L’esame orale consisterà in un colloquio interdisciplinare teso a valutare le conoscenze dei candidati sulle seguenti materie:

  • elementi di diritto amministrativo (con particolare riferimento al procedimento amministrativo, al pubblico impiego e alle diverse responsabilità dei dipendenti pubblici);
  • elementi di ordinamento giudiziario;
  • elementi di diritto processuale civile;
  • elementi di diritto processuale penale;
  • nozioni sui servizi di cancelleria;
  • lingua inglese;
  • tecnologie informatiche e competenze digitali.
© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin