Ministero della Giustizia e Ministero della Difesa: ecco i concorsi di novembre :ilSicilia.it

Diverse le posizioni ricercate

Ministero della Giustizia e Ministero della Difesa: ecco i concorsi di novembre

14 Ottobre 2019

Diversi i bandi di concorso che vi saranno a novembre del Ministero della Giustizia per l’accoglimento di personale detenuto, medico e capo d’arte officina meccanica da disporre nelle proprie strutture collocate sul territorio nazionale.

Concorsi del mese di novembre

Il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha attivato un avviso di selezione pubblica, per progetti e curricula, per la stesura di una convenzione per l’affidamento e la conduzione dell’azienda agricola presente presso la Casa Lavoro collegata alla Sezione Circondariale di Vasto in provincia di Chieti (Abruzzo).

Tali progetti hanno l’obiettivo di reintegrare nel sociale un certo numero di detenuti con profili pubblici e privati o cooperative all’interno dei medesimi servizi. La suddetta convenzione ha un decorso di tre anni con la probabilità di rinnovo per ulteriore tempo. I requisiti di accesso sono i seguenti: essere iscritti alla C.C.I.A.A. (Registro delle imprese) ossia per le associazioni di promozione sociale, iscrizione al registro regionale delle A.P.S.

La domanda di ammissione deve essere inoltrata telematicamente tramite posta elettronica certificata PEC alla casella: d.vasto@giustiziacert.it entro sabato 9 novembre 2019.

Il dipartimento della giustizia minorile e di comunità ha redatto una convenzione per l’incarico di medico competente da assegnare mediante l’ufficio esecuzione penale esterna di Trapani (Sicilia). È possibile proporre la propria candidatura inviando un’email all’indirizzo di posta elettronica certificata PEC: uepe.trapani @ giustiziacert.it entro venerdì 15 novembre 2019, usufruendo del modulo allegato e decretato dalla circolare dipartimentale.

Il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha proclamato una procedura di selezione comparativa, per titoli, colloquio e prova tecnica, per il conferimento di un posto in funzione di capo d’arte per la gestione dell’officina meccanica operativa presso la seconda casa di reclusione di Milano Bollate (Lombardia), per un lasso di tempo compreso tra 01/01/2020 al 31/12/2020 con la possibilità di continuare il rapporto di lavoro per un altro anno ovvero sino al 31/12/2021.

Ministero della Difesa: è indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’ammissione al 10° corso triennale (2020-2023) di seicentoventisei allievi Marescialli del ruolo ispettori dell’Arma dei carabinieri.

 

SCARICA IN BASSO IL DOCUMENTO:

Concorsi ed esami

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.