Ministro Azzolina allo Zen: "Offendere la scuola è offendere lo Stato" :ilSicilia.it
Palermo

la visita del ministro a Palermo

Ministro Azzolina allo Zen: “Offendere la scuola è offendere lo Stato”

di
6 Luglio 2020

In Sicilia come le altre parti d’Italia stiamo facendo dei tavoli regionali con tutti gli attori che si occupano di scuola per capire le esigenze in termini di arredi e organico di ogni singola realtà”.

Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, nel corso della sua visita all’ICS Giovanni Falcone di Palermo, nel quartiere Zen.

Abbiamo l’obiettivo di migliorare gli spazi che sono attualmente a disposizione e cercarne degli altri fiori dalla scuola per avvicinare gli studenti al mondo della cultura: musei, cinema e teatri. Ma anche potenziare l’organico di docenti e personale Ata”.

Lezioni ordinarie fuori dalla scuola? Le faremo se sarà necessario…se dovessimo optare per questa scelta lo faremo nei luoghi di cultura. In una scuola così, come questa di Palermo, portare gli studenti nei luoghi di cultura è un valore aggiunto. Serve tantissimo, perché da soli non ci andrebbero”.

IL MINISTRO SULLO STATO DELLA SCUOLA ITALIANA

Lucia Azzolina si è soffermata anche sul problema delle cattedre vuote al nord.

E’ un problema che stiamo risolvendo con l’aggiornamento delle graduatorie provinciali e con i concorsi che stiamo bandendo – ha affermato la Azzolina -. Parliamo di 80 mila posti e in più ci saranno le normali assunzioni queste estate da graduatorie ad esaurimento è da graduatorie da vecchi concorsi”.

Difficoltà ad acquistare libri di testo? Abbiamo attivato un bando PON da 236 milioni di euro…ogni scuola secondaria di primo grado potrà avere fino a 100 mila euro e le scuole secondarie di secondo grado fino a 120 mila euro per comprare agli studenti meno abbienti libri di testo, device e zainetti. La scuola deve arrivare a chi ha più difficoltà. Questa è l’unica cosa che il ministero dell’istruzione deve fare in assoluto: arrivare a tutti. Affinché nessuno resti indietro, a maggior ragione in terre come la Sicilia”.

Stiamo investendo dei soldi per acquistare banchi singoli che possano essere moderni e durare nel tempo. Sono investimenti strutturali che si fanno per le nostre scuole. Questo poi permetterà anche forme di apprendimento nuove, diverse, didattiche innovative”.

Sulla sicurezza della Falcone e di altre scuole di Palermo siamo intervenuti, metteremo degli impianti di video sorveglianza. Per questo ringrazio moltissimo la questura e la prefettura per il lavoro che stiamo facendo insieme. La scuola non si piega. Offendere la scuola significa offendere lo Stato è questo noi non permetteremo che accada. La scuola è baluardo di legalità, socialità e quindi baluardo dello Stato. Gli impianti di video sorveglianza con monitoraggi continui da parte delle forze dell’ordine spero possano dare una mano alla dirigente scolastica della Falcone ed a tutti i nostri studenti che hanno il diritto di non abbandonare i quartieri in cui sono nati. Hanno il diritto di avere una scuola di qualità”.

LA PRESIDE: “FELICE DELLA VISITA DEL MINISTRO”

Sono felice che il ministro sia qui a raccogliere non solo i problemi e le istanze, ma anche l’importanza e l’entusiasmo con cui svolgiamo le nostre attivita’ e assicuriamo la nostra presenza in questo territorio“.

Lo ha detto Daniela Lo Verde dirigente scolastica della scuola “Giovanni Falcone”. L’istituto comprensivo, situato allo Zen 2, e’ stato bersaglio di numerosi raid vandalici.

E’ una scuola esposta e fortemente presente nel territorio“, ha aggiunto Antonella Saverino docente della scuola.

Qui i tanti studenti non hanno molti diritti. Ma noi facciamo tante cose perché crediamo nel senso dello Stato e del dovere. La scuola non si e’ mai fermata, nemmeno durante il lockdown e abbiamo svolto tante attività“.

I ragazzi sono meravigliosi – ha aggiunto un’altra docente – ma gli sono negati tanti diritti, vivono in contesti difficili, ma questo non può essere una discriminante e noi facciamo in modo che non lo sia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.