Minori stranieri costretti a lavorare nei campi per 12 euro, 8 indagati per sfruttamento nel Palermitano :ilSicilia.it
Palermo

Ospiti della comunità "New River" di Borgetto

Minori stranieri costretti a lavorare nei campi per 12 euro, 8 indagati per sfruttamento nel Palermitano

di
30 Luglio 2018

Sfruttavano i minori stranieri non accompagnati ospiti della loro struttura, li reclutavano per farli lavorare a stipendi da fame in pizzerie o nei campi, a Borgetto, nel Palermitano. E’ l’accusa contestata a otto indagati a cui la polizia ha notificato la misura dell’interdizione dall’esercizio di attività nel settore alberghiero e della ristorazione, nel settore delle attività agricole e dell’accoglienza dei minori. Alcuni ragazzi lavoravano nei campi per 12 euro al giorno.

L’indagine, condotta dalla sezione di polizia giudiziaria in servizio alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo, nasce da accertamenti sulle precarie condizioni di vita in cui si trovavano alcuni minori stranieri non accompagnati, ospiti della comunità “New River” di Borgetto (PA), gestita dalla cooperativa sociale EsseQuadro, di Firenze e rappresentata e amministrata da Andrea Meli, che è tra gli indagati. e intercettazioni telefoniche, poi confermate dalle testimonianze dei ragazzi ascoltati in presenza di psicologi, hanno accertato diversi episodi di sfruttamento dei minori.

pizzaioloUn giovane nigeriano ha raccontato di essere stato impiegato alla pizzeria La Sorgente, gestita da Vincenzo Alduina e Maria Teresa Lombardo, genero e figlia di titolare dell’immobile in cui si trova la New River, percependo una paga di 50/60 euro a settimana, a fronte dei 1200 euro al mese previsti dal contratto nazionale. Uno dei ragazzi, durante il lavoro, ha subito una grave ustione alla mano, e soltanto dopo tempo, e dietro minaccia di non dire come si era ferito, è stato accompagnato al pronto soccorso.

Francesco e Pietro Lo Baido e Giuseppe Di Bella, imprenditori agricoli di Partinico e Borgetto – secondo l’accusa – reclutavano i minori e li impiegavano in un duro lavoro agricolo nelle loro tenute dando loro 12 euro al giorno. L’ispezione ha evidenziato anche gravi carenze igienico-sanitarie all’interno della comunità New River e una grave carenza di rifornimenti alimentari e di acqua. I minori erano costretti a riempire dei bidoni d’acqua in una fontana camminando poi per chilometri.

Tra gli indagati anche Giuseppe Criminisi, psicologo e responsabile della New River, che ha permesso la frequentazione della struttura da parte degli imprenditori che sceglievano i ragazzi da impiegare nelle loro attività.

Gli indagati cui sono stati notificate le misure interdittive, firmate dal gip Guglielmo Nicastro, sono quindi: Vincenzo Alduina, titolare della pizzeria La Sorgente di Borsetto, Giuseppe Criminisi, psicologo e responsabile della Comunità New River, Giuseppe Mario Di Bella, imprenditore agricolo di Partinico, Francesco e Pietro Lo Baido, agricoltori, Antonino Lombardo, titolare dell’immobile che ospita la comunità New River; Maria Teresa Lombardo, titolare della pizzeria New River di Borgetto e Andrea Carmelo Meli, amministratore della cooperativa Esse Quadro. Sono in corso accertamenti per verificare la posizione dei gestori di un’altra casa famiglia, collegata agli indagati.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin