Mistero sul rimpasto, Bandiera e Grasso convocati in giunta :ilSicilia.it

l'analisi

Mistero sul rimpasto, Bandiera e Grasso convocati in giunta

di
31 Dicembre 2020

Il rimpasto in giunta regionale è dato ormai per certo, anche se ancora non c’è stata nessuna nota ufficiale da parte della Regione. L’agrigentino Marco Zambuto e il trapanese Toni Scilla subentreranno a al siracusano Edy Bandiera e alla messinese Bernadette Grasso.

Il futuro è d’obbligo. Sì, perché oltre a non esserci stata, come detto, alcuna nota ufficiale da parte della Presidenza della Regione siciliana, c’è un altro particolare che fa riflettere: Per la mattina di oggi 31 dicembre 2020 è stata, infatti, convocata la giunta presieduta da Nello Musumeci. E le convocazioni sono state inviate anche a Bandiera e Grasso.

Certo, è facile ipotizzare che si tratti di un fisiologico rinvio dell’ufficialità in viste della fine delle festività natalizie, anche perché sia Grasso che Bandiera hanno scritto post su facebook che non lasciano margini di fraintendimento. Certo è, però, che l’annunciata sostituzione dei due ha fatto molto discutere in questi giorni. Da una parte per il fatto che Bandiera ha ben operato alla guida dell’Assessorato all’Agricoltura e che, quindi, la sua sostituzione attiene a una questione puramente politica. La delega dovrebbe andare a Scilla, ma in queste ore Musumeci starebbe riflettendo sul fatto di poterla conferire a Zambuto, dirottando Scilla agli Enti Locali.

C’è poi da sciogliere il ‘nodo’ quote rosa: con l’addio di Bernadette Grasso, infatti, si crea l’imbarazzante assenza di donne in giunta. Per risolvere il problema, bisognerebbe apportare nuovi cambiamenti all’assetto del governo della Regione, magari chiedendo un sacrificio agli alleati centristi in nome della garanzia della rappresentanza femminile. Ma a chi? all’Udc? A Raffaele Lombardo? Non sembra che in questo momento ci sia grande voglia di stravolgimenti dalle parti del centro.

Infine una considerazione: Nello Musumeci si è fatto vanto di non avere stravolto gli assetti di giunta se non per piccoli ritocchi dettati dalla necessità delle circostanze (una per tutte, la tragica scomparsa di Sebastiano Tusa). Non è peregrino immaginare che l’intenzione del governatore sia quella di mantenere il nuovo assetto della giunta fino alla fine del mandato. Ecco, quindi, che la riflessione sui cambiamenti sarà più che ponderata.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin