Mobilità a Palermo, ecco il ricorso al TAR: "Pums adottato in fretta per non perdere i fondi del tram" :ilSicilia.it
Palermo

30 professionisti contro la Giunta Orlando

Mobilità a Palermo, ecco il ricorso al TAR: “Pums adottato in fretta per non perdere i fondi del tram”

di
25 Ottobre 2019

Sono una trentina, tra architetti, ingegneri, urbanisti, avvocati e semplici cittadini che hanno presentato il ricorso al TAR contro il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) recentemente adottato dalla Giunta della Città di Palermo.

Oggi, venerdì 25 ottobre presso lo studio dell’avvocato Nadia Spallitta (piazza Lolli 15) sono stati esposti i punti cardine della protesta contro il documento adottato dal sindaco Leoluca Orlando e promosso dall’assessore alla Mobilità, Giusto Catania.

tram palermo libertà bici«Vogliamo innanzitutto precisare una cosa per evitare fraintendimenti – dicono l’ingegnere Roberto Bissanti e l’architetto Massimiliano Giudicenoi non siamo contro il tram. Siamo anzi a favore di alcune linee, come ad esempio quella che si collega all’Università, passa da corso Tukory per congiungersi con la Linea 1. Siamo contro la  nuova linea prevista invece in pieno Centro, in via Libertà, che è già ben servita dai bus. Basterebbe mettere qualche bus elettrico e si spenderebbe un decimo rispetto al progetto del tram».

Ma non solo. Il nuovo progetto prevede nuovi parcheggi interrati, due dei quali sotto via Libertà: «Ecco, questa è un’altra follia della Giunta Orlando: dei 12 parcheggi multipiano, solo pochi sono finanziati». Sempre che qualcuno partecipi ai bandi. «Ammesso che vengano realizzati – spiega Bissanti – dobbiamo sottolineare un aspetto: il numero di stalli previsti è tale e quale a quelli tolti in superficie. Nessun vantaggio ulteriore per la città. Con l’aggravio economico per i residenti di via Libertà che dovranno parcheggiare a pagamento e sottoterra, lontano dalle proprie case. E sappiamo tutti come è andata a finire ad esempio con l’Apcoa…»

tram LIBERTà
Rendering di come sarà via Libertà

Ma il ricorso al Tar non è contro il tram, è contro il PUMS: «Questo documento – spiegano i ricorrenti, riuniti nel comitato PerPalermoè stato adottato dalla Giunta Orlando in fretta e furia senza alcuna partecipazione e con l’unico scopo di giustificare il nuovo progetto del tram. Altrimenti il Comune avrebbe perso i finanziamenti. Inoltre, la VAS (Valutazione Ambientale Strategica, ndr) è stata fatta ex post, dopo la delibera della Giunta, violando le linee guida nazionali. Per non parlare del fatto che il PUMS dovrebbe riguardare la Città Metropolitana e non solo il Comune di Palermo; ma i comuni limitrofi non sarebbero stati neppure coinvolti. Sono quindi tanti i punti che non vanno, anche se non c’è una richiesta di sospensiva. Attendiamo parere del TAR».

«Non ci convince il nuovo assetto urbanistico – ha aggiunto l’Arch. Giudice – è l’unico PUMS in Europa che prevede per i prossimi 10 anni un decremento della pedonalità. Gli attuali flussi pedonali (10/11%) nel 2030 saranno del 2% in meno. L’assessore Catania parla dell’obiettivo di 100mila auto in meno in città? Una bufala: nel PUMS adottato da loro c’è scritto che da qui al 2030 ci sarà un incremento delle auto».

 

 

LEGGI ANCHE:

Mobilità sostenibile a Palermo, “rivolta” contro Orlando e Catania: scatta il ricorso al TAR

Nuovi tram, parcheggi e aree pedonali: dal 2021 altri cantieri a Palermo | FOTO-VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.