Mobilità a Palermo, Ferrandelli (+Europa): "Si alle pedonalizzazioni, ma senza Ztl" :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DEL CONSIGLIERE COMUNALE

Mobilità a Palermo, Ferrandelli (+Europa): “Si alle pedonalizzazioni, ma senza Ztl”

di
6 Agosto 2020

Oggi in aula abbiamo dato il nostro contributo decisivo al voto dell’ odg che consente la pedonalizzazione di alcune piazze della città al fine di sostenere le attività commerciali.
Una misura utile, ma incompleta se non si da seguito anche all’atto di indirizzo che blocca il ripristino di ztl e zone blu. Cosa se ne fanno le attività commerciali di piazze pedonali se i cittadini vengono scoraggiati ad arrivarci e a parcheggiare gratis?

A dichiararlo è il consigliere comunale di +Europa Fabrizio Ferrandelli.

SEDUTA DEL CONSIGLIO PROSSIMA SETTIMANA

Settimana prossima abbiamo ottenuto una seduta con l’amministrazione al fine di far attuare questi due atti di indirizzo votato dal consiglio comunale. Riterremo grave la disapplicazione della volontà del consiglio“.

Molti cittadini sono convinti che il voto della mia mozione abbia determinato il ritiro delle ordinanze che il Sindaco invece ad oggi disattende, creando così confusione e rottura istituzionale.
Proveremo con la prossima seduta a ribadire la nostra volontà pressando l’amministrazione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.