Mobilità sostenibile a Catania: entro fine anno in arrivo 16 bus elettrici :ilSicilia.it
Catania

sinergia tra Comune e Amt con due bandi

Mobilità sostenibile a Catania: entro fine anno in arrivo 16 bus elettrici

di
14 Marzo 2021

Comune di Catania e Amt intensificano le attività del piano strategico mirato al potenziamento e l’ammodernamento dei sistemi di trasporto pubblico nel territorio del capoluogo etneo. A tal proposito entro fine anno saranno in funzione 16 autobus elettrici, che verranno resi disponibili attraverso i fondi per la mobilità del Pon Metro. Il parco mezzi dell’azienda continua così ad essere interessato da iniziative dedite a consentire l’impiego di mezzi non inquinanti ed in grado di consentire anche un risparmio sul carburante, oltre che essere meno rumorosi.

La casa municipale e Amt si sono mosse attraverso l’avvenuta pubblicazione di due bandi di gara inerenti l’acquisto di 16 veicoli ad alimentazione green, di cui per esattezza 8 bus di lunghezza tra 11,80 e 12,50 metri e altri 8 invece di dimensioni più piccole. Il tutto per un impegno di spesa complessivo di 7,26 milioni di euro oltre Iva. Il rinnovamento delle flotte di bus per il servizio pubblico, 100% elettrici e a zero emissioni, rappresenta così un ulteriore segnale della volontà di rendere il servizio pubblico più moderno e funzionale ma anche compatibile con le politiche per il rispetto dell’ambiente. “Entrano nel vivo con corsia preferenziale gli investimenti per la mobilità previsti dai fondi comunitari del Pon Metro, con un risultato eccezionale in termini di rapidità esecutiva, grazie alla sinergia con l’Amt, sempre più fulcro delle azioni di sviluppo legato ai movimenti e al trasporto delle persone nell’area urbana -ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese -. Poter contare su autobus di media grandezza ad alimentazione elettrica significa ridurre i tassi di inquinamento, un risparmio di spesa per il carburante, assenza di emissioni sonore e anidride carbonica”.

il sindaco Salvo Pogliese

Secondo i tecnici che hanno curato i due bandi pubblicati ieri nel sito dell’Amt, i mezzi potrebbero essere disponibili entro fine anno per essere messi subito in circolazione nelle strade cittadine. Pogliese evidenzia: ”Ringrazio l’assessore Parisi con il direttore Finocchiaro con i funzionari della direzione politiche comunitarie e il presidente dell’Amt Giacomo Bellavia con tutto il cda, perché stiamo imprimendo una svolta in termini di operatività su questo delicato fronte della mobilità sostenibile. Grazie a questa convenzione, infatti, procederemo anche alla spesa dei fondi comunitari incentivando il car e bike sharing, creando itinerari protetti per bus e l’adeguamento dei nodi di interscambio modale per la nuova rete di linee BRT oltre a quella numero 1 di cui stanno partendo i lavori di adeguamento”.

“I 16 nuovi bus elettrici che potenzieranno il parco veicolare e sostituiranno quelli vecchi – rimarca l’Amt – non soltanto saranno mezzi più ecologici, ma anche più tecnologici. I nuovi bus avranno infatti alcuni nuovi sistemi”. Lo scopo principale è quello di potenziare e integrare il parco veicolare del trasporto pubblico urbano, al fine di supportare le iniziative legate alla mobilità sostenibile e garantire un servizio adeguato alle linee di forza (BRT), nonché sui servizi secondari di supporto e di “feeding” rispetto alla rete principale.

I nuovi mezzi serviranno, inoltre, per sostituire quelli vecchi ancora transitanti e di tipo Euro 2, con autobus a emissione zero. I nuovi autobus saranno dotati di sistemi tecnologici innovativi, che prevedono la presenza di dispositivi di localizzazione e gestione remota (AVM), validatrici predisposte per la bigliettazione elettronica, sistemi di informazioni a bordo, videosorveglianza e tornelli anti-evasione.

Il progetto ha anche in elenco l’acquisto di 16 stazioni di ricarica lenta da ubicare nel deposito degli autobus e l’adeguamento dell’infrastruttura di alimentazione elettrica del deposito, nonché l’acquisto di 3 stazioni di ricarica veloce da ubicare presso i capilinea urbani. Entrano quindi nel vivo gli investimenti per la mobilità previsti dai fondi europei (PON e POC Città Metropolitane) con un’iniziativa, a cui AMT, tiene particolarmente, che spinge l’azienda sempre più verso la direzione della sostenibilità ambientale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.