Mobilità. Virzì (UGL): "A Palermo ingiustificato accanimento contro i detentori di biciclette elettriche" :ilSicilia.it
Palermo

interviene sul tema il portavoce del sindacato

Mobilità. Virzì (UGL): “A Palermo ingiustificato accanimento contro i detentori di biciclette elettriche”

10 Ottobre 2019

Se da un lato siamo riusciti con fatica a far capire con un’azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica al Comune di Palermo di sostenere e regolamentare la micro mobilità, una vittoria di civiltà in particolare per i numerosi detentori di monopattini elettrici, dall’altro non riusciamo  ancora a  comprendere l’accanimento perpetrato dalla Polizia Municipale, nel punire i proprietari  delle biciclette con pedalata assistita”. Ad intervenire ancora una volta sull’argomento è il portavoce dell’UGL di Palermo, Filippo Virzì.

La libera interpretazione di un Vigile Urbano solerte posizionato costantemente ai Quattro Canti di Palermo nel cuore dell’isola pedonale così  ci risulta da numerose testimonianze raccolte – spiega Virzì –  sta esasperando gli animi a causa di multe salatissime e sequestro del mezzo”.

Il pomo della discordia – spiega Virzì – sembrerebbe sia  in alcuni casi  il tasto cosiddetto tasto  <<walk>> , il quale è  previsto dalle case produttrici per le bici omologate  a pedalata assistita,  al fine di dare una piccola spinta al velocipede  nel rispetto delle  direttive previste dal  Codice della Strada vigente, ma il solerte Vigile Urbano non sente ragione e passa ai fatti sequestrando il mezzo  consideranto la bici come una bici a funzionamento autonomo,  sanzionando il povero cittadino malcapitato il quale si rivolge sudito dopo  a dir poco imbufalito  a sua volta  al rivenditore del mezzo, chiedendo conto e ragione di quanto subito in quanto mezzo acquistato omologato per circolare”.

Chiediamo al Comandante di Vigili Urbani di richiamare l’agente del Corpo  preposto al servizio – conclude Virzì –  ad adottare un comportamento compatibile con il buon senso e la normativa vigente, le maniere forti alla lunga non pagano, molti cittadini stanno per adire le vie legali a tutela di quanto subito, non vogliamo pensare che questa solerzia sia dettata da altri motivi, ci appelliamo anche al Sindaco Leoluca  Orlando  affinchè vigili sull’operato della Polizia Municipale”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.