Mobilitazione dei Comuni siciliani, Orlando: "Provvedimento urgente o pronti a dimissioni" :ilSicilia.it

l'annuncio

Mobilitazione dei Comuni siciliani, Orlando: “Provvedimento urgente o pronti a dimissioni”

di
13 Novembre 2021

Il sindaco di Palermo e presidente di AnciSicilia, Leoluca Orlando, nel corso di un’assemblea dei sindaci ha confermato lo stato di mobilitazione dei sindaci siciliani, chiedendo un incontro formale con i prefetti per il prossimo 17 novembre: “La gravità finanziaria è stata rappresentata ai vertici delle istituzioni, al Ministro dell’Interno Lamorgese, alla viceministro Castelli, abbiamo incontrato anche la presidente del Senato, Casellati, e il ministro Gelmini – ha detto Orlando -. E’ dal 25 maggio che l’assemblea dei comuni siciliani lamenta e rappresenta queste difficoltà finanziarie e ha posto in essere una serie di iniziative e richieste che hanno evidenziato una crisi istituzionale di sistema. Il problema riguarda quasi tutti i 391 comuni siciliani. Ci sono centinaia di comuni in situazione di dissesto. Si rischia una vera e propria strage dei servizi, tagli per i cittadini e aumento di tutte le aliquote fiscali“.

“Abbiamo avviato un’interlocuzione continua e abbiamo avuto una conferma di attenzione da parte del viceministro all’Economia e dal Ministro Franco”, ha detto Orlando. Ma non basta: “I comuni siciliani rimangono stretti tra Stato e Regione che ogni anno stipula accordi finanziari con lo Stato ma sistematicamente non eroga le risorse aggiuntive”.

“Chiediamo un provvedimento urgente sotto forma di decreto legge o con approvazione più rapida possibile e comunque entro il 30 novembre perché riguarda anche i comuni che hanno già approvato il bilancio e devono procedere all’eventuale assestamento – ha detto Orlando -. La situazione in cui ci troviamo è di estrema gravità, è una crisi strutturale che prescinde dalle professionalità e dagli schieramenti politici. Questa mattina l’assemblea dei sindaci, dopo i diversi orientamenti, ha deciso che era doveroso che non si facessero scelte individuali, ma si facesse un passaggio istituzionale”.

Per questo motivo “L’Anci invierà una lettera ai rappresentanti siciliani, per conoscenza al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Presidente della Regione, nella quale chiederà ai prefetti di ricevere i sindaci preferibilmente il giorno 17. I sindaci presenteranno il documento dell’Anci che riepiloga e conferma che la situazione è talmente grave che rimane la disponibilità a dare le dimissioni qualora non arrivassero risposte concrete. Notificheremo la nostra posizione al Governo tramite i prefetti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.