Moderati per sopravvivere :ilSicilia.it

L'approfondimento

Moderati per sopravvivere

di
24 Ottobre 2020

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che – come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni – dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza.

Non si capisce cosa possa tenere insieme queste forze così diverse tra loro, tranne l’interesse a garantire una sopravvivenza politica, anche in vista della possibile legge elettorale che dovrebbe essere proporzionale e con lo sbarramento al cinque per cento.

Sembra, tuttavia, che il collante dovrebbe essere il “moderatismo” di cui, a loro avviso, si avverte la mancanza e non apparterrebbe né al centrodestra né al centrosinistra, volendo includere in questa ultima coalizione, anche se ancora non appare chiaro, i Cinque Stelle.

Ai futuri “moderati“ vorremmo però consigliare vivamente di evitare di utilizzare il termine “Riformista“, dal momento che questo è alternativo al moderatismo.

Per carità, anche dai moderati, ogni tanto, possono venire cose buone. La storia lo documenta, ma ci chiarisce, però, che i moderati appartengono al mondo dei conservatori che sono di due categorie: quelli retrivi, a volte con venature autoritarie, che sono quindi definiti reazionari e quelli che, appunto, da moderati “conservano” il sistema, mantenendo le sue contraddizioni, le sue ingiustizie sociali, ma tentano di  mitigarle, di alleggerirle con provvedimenti, spesso di natura assistenziale, tanto è vero che il primo ad introdurre lo Stato sociale non fu un rivoluzionario ma un conservatore come Bismark.

Usare il termine riformista da parte dei moderati è un abuso e un’arbitrarietà.

Spesso si usa il termine riformista senza conoscere il significato.

Il riformismo, infatti, è una cosa seria, è rigore, è studio, è applicazione, ma soprattutto è “rivoluzionario“, è innovazione, perché rende possibile e credibile il cambiamento.

Il riformista indica, infatti, un progetto di società, coniugando la crescita economica con l’eguaglianza e la giustizia sociale. Soprattutto rende possibile e credibile il cambiamento, rispetto ai demagoghi di turno che, come diceva Federico Caffè, un grande economista e riformista, per ricevere applausi agitano palingenesi e attese messianiche che dovrebbero salvificare il mondo.

Quindi ai veri moderati e ai veri riformisti di questa area indistinta consigliamo ai primi di tornare nel centro destra e ai secondi nel centro sinistra, almeno contribuiranno a rendere più chiara e comprensibili ai cittadini la politica italiana.

Probabilmente quello che si avverte maggiormente  non è l’assenza di un partito dei moderati ma  di una grande forza riformista.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin