19 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.54
Palermo

I fatti accaduti a Palermo

Moglie in attesa cinque ore in Pronto soccorso, avvocato filma proteste: fermato

9 Gennaio 2019

Dopo cinque ore di attesa al pronto soccorso di Villa Sofia a Palermo, con la moglie che aveva il codice giallo, un avvocato ha fatto alcuni video di quello che succedeva in astanteria con la gente che cominciava a protestare. Il metronotte ha chiamato la polizia che ha fermato il legale portandolo in commissariato in manette.

I fatti risalgono al 6 gennaio. L’uomo è stato denunciato per molestie a persone e interferenze illecite nella vita privata. Il legale ha annunciato un esposto in cui racconterà ciò che ha subito. La Questura fa sapere che vi sono ”approfondimenti in corso”.

Ho chiesto al primario del Pronto soccorso una relazione sui fatti. Una volta esaminati i fatti per come rappresentati mi riservo di querelare per violazione della normativa sulla privacy e diffamazione”. Lo dice il commissario straordinario dell’ospedale Villa Sofia a Palermo, Walter Messina, dopo la denuncia pubblica fatta dal legale palermitano fermato dalla polizia perché aveva fatto alcuni video delle proteste di pazienti nel pronto soccorso.

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.