15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Ragusa

Aveva 83 anni

Mondo dell’arte in lutto: morto il Maestro Piero Guccione

6 Ottobre 2018

E’ morto a Modica nell’hospice dell’ospedale ‘Maggiore‘ dove era ricoverato da qualche giorno il pittore Piero Guccione; aveva 83 anni.

Guccione artista di livello internazionale anche per la sua sublime visione del Mediterraneo, era il punto di riferimento del ‘Gruppo di Scicli’ che raccoglie diversi pittori realisti.

Piero Guccione era nato a Scicli (Rg) il 5 maggio 1935, è stato assistente di Renato Guttuso dal 1966 al 1969 per la cattedra di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Ha partecipato a importanti esposizioni pubbliche, nazionali e internazionali.

Nel 1984 l’Hirshhorn Museum di Washington lo ha invitato alla mostra internazionale Drawings 1974-84. Nel 1985 è stato invitato dal Metropolitan Museum of Art di New York/The Mezzanine Gallery per un’antologica di grafica. Sue opere grafiche figurano nella collezione permanente del Museo. Ha partecipato alla X e alla XII edizione della Quadriennale (1972 e 1992). E’ stato invitato a diverse edizioni della Biennale di Venezia, tant’è che nel 1988 gli ha dedicato una sala personale nel Padiglione Italiano.

Guida artistica del ‘gruppo di Scicli’ che Guttuso lanciò in un’intervista al ‘Tempo’ di Roma. “Nel deserto della pittura italiana – disse Guttuso – c’è la purezza d’intenti di un gruppo di artisti che opera nell’estrema periferia, lontani dal dinamismo delle metropoli, dalle Biennali d’arte, dalla velocità consumistica alla quale neppure l’opera d’arte riesce a sottrarsi”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.