Monopattini elettrici, biciclette, rastrelliere: ecco il Piano per la "Fase 2" a Palermo :ilSicilia.it

LA MOZIONE PROPOSTA DAL CONSIGLIERE FERRANDELLI

Monopattini elettrici, biciclette, rastrelliere: ecco il Piano per la “Fase 2” a Palermo

di
24 Aprile 2020

“La bicicletta come mezzo di trasporto ideale nel passaggio dal lockdown alla normalità” – questo il contenuto dei 2 odg votato oggi in consiglio e sostenuti dall’esponente nazionale di +Europa Fabrizio Ferrandelli.

“Sono felice che oggi in Aula sia tornata in campo la mia visione di mobilità dolce e sostenibile. Altro che nuove, insostenibili e fallimentari linee del Tram. L’ho ribadito oggi in consiglio comunale con fermezza e invitato l’assessore alla Mobilità a predisporre un bando sulla micromobilità in generale (monopattini elettrici, etc).  Diverse istanze di società pronte ad avviare la sperimentazione stanno arrivando in queste ore ai tanti comuni italiani, tra cui il nostro.

La condizione che stiamo vivendo a causa di un’emergenza che ci sta togliendo tanto, ci può portare però verso una nuova prospettiva.
Una ripartenza che può può darci molto, se saremo in grado di rimodulare il nostro pensiero e la nostra azione. Anche nei prossimi mesi l’accesso ai mezzi pubblici sarà limitato per tenere le distanze fra le persone, e l’uso delle auto private potrebbe portare traffico e inquinamento. Quale migliore mezzo della cara, vecchia, accessibile, democratica, bici?” – incalza Ferrandelli.

Ferrandelli in bici in via Libertà“Rilancio quanto sostenuto in questi giorni dalla Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta) in una lettera aperta in relazione all’ipotesi di far salire sui mezzi pubblici un numero contenuto di passeggeri (muniti di mascherina e guanti) tale da rispettare la distanza di un metro imposta dai decreti anti-Covid. Detta soluzione sicuramente ridurrà il rischio di contagio, ma allo stesso tempo comporterà che un alto numero di passeggeri abituali, non riuscendo a usufruire dei mezzi pubblici e in mancanza di valide alternative, farà ricorso all’utilizzo dei mezzi a motore privati.

Fiab propone la percorribilità di tutte le corsie preferenziali alle biciclette, la possibilità di parcheggiare le bici sui marciapiedi, la realizzazione di Zone 30 (dove la velocità massima consentita è 30 km all’ora), una campagna di comunicazione per la mobilità dolce e sostenibile, convenzioni con le società di bike sharing, agevolazioni per acquisto delle biciclette.

Invito il Consiglio Comunale a votare presto la mozione da me depositata giorno 16 aprile e che raccoglie queste proposte – conclude Ferrandelli- e ne rilancia altre (mutuate dal lavoro tra associazioni e consiglieri comunali di Trento) come l’istituzione di ciclo- parcheggi protetti nei punti di interscambio, la creazione di un Ufficio biciclette, l’istituzione di nuovi percorsi ciclabili e progetti casa-lavoro, casa-scuola con dotazione di rastrelliere e servizi”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Ferrandelli: ”La bici il mezzo ideale per uscire dal lockdown, altro che tram”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin