Monreale, arrestato 41enne pregiudicato per estorsioni ad un ristoratore :ilSicilia.it
Palermo

L’intervento dei carabinieri

Monreale, arrestato 41enne pregiudicato per estorsioni ad un ristoratore

di
15 Luglio 2020

I carabinieri della compagnia di Monreale hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di P.S., pregiudicato di 41 anni responsabile di estorsione aggravata in concorso, ai danni di un ristoratore locale.

L’intervento dei carabinieri è il frutto di un’intensa attività investigativa condotta sotto la direzione della Procura di Palermo, che è riuscita a tracciare l’insieme di episodi in cui l’uomo, con precedenti penali, ha avanzato richieste di carattere estorsivo in consumazioni e in denaro.

Il 20 giugno scorso il ristoratore aveva segnalato ai carabinieri di essere vittima di estorsione, denunciando quanto si era verificato all’interno del suo locale la sera stessa. Il commerciante infatti era stato vittima di gravi minacce da parte del 41enne che, in compagnia di due conoscenti, pretendeva di consumare gratis all’interno del locale già in chiusura. Richiesta insistente che il ristoratore era stato obbligato ad assecondare, a causa dei toni accesi sfociati in aggressioni violente, anche al volto.

La vittima ha raccontato alle autorità la serie di comportamenti a cui era sottoposto da tempo, in particolare nel 2016 dove le richieste estorsive erano state più frequenti. Al fianco del commerciante anche l’Associazione Commercianti di Monreale che per solidarietà si sono presentati in caserma la mattina successiva all’episodio.

Per l’accaduto dello scorso 20 giugno, anche 2 giovani di Monreale di 19 e 21 anni sono stati questa mattina destinatari di avviso di garanzia.

D’intesa e sotto la direzione della Procura della Repubblica di Palermo abbiamo voluto procedere nella maniera più celere possibile per chiudere il cerchio intorno alla vicenda e bloccare sul nascere incresciosi episodi ai danni di commercianti già fortemente provati dalle difficoltà del momento. – dichiarano i carabinieri della compagnia di Monreale che hanno seguito le indagini- L’operazione odierna è un segnale che dimostra la presenza quotidiana delle Istituzioni a fianco dei cittadini a cui rinnoviamo l’invito a rivolgersi a forze dell’ordine e magistratura per denunciare soprusi e non cedere al ricatto criminale. È questa l’unica risposta giusta per affermare i propri diritti e la propria libertà, stroncando sul nascere la prepotenza della criminalità. Rivolgiamo un sentito ringraziamento all’Associazione commercianti di Monreale per la collaborazione fornita oltre che per la vicinanza dimostrata alle Istituzioni in tutti questi anni”.

L’uomo è stato condotto presso il carcere Pagliarelli di Palermo in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.