Monreale, volantini contro l'arcivescovo: "Pennisi protegge i mafiosi" :ilSicilia.it
Palermo

sono stati sparsi nella notte

Monreale, volantini contro l’arcivescovo: “Pennisi protegge i mafiosi”

di
24 Maggio 2019

Indignazione a Monreale, nel Palermitano, per alcuni volantini, sparsi nottetempo nel viale di accesso al Palazzo Arcivescovile e affissi in vari posti del comune, che diffamano l’arcivescovo, monsignor Michele Pennisi, additandolo come “protettore dei mafiosi“.

Solidarietà all’alto prelato è stata espressa dalla Comunità diocesana che “condanna il vile gesto di ignoti ed esprime vicinanza e sostegno al suo Pastore, da sempre impegnato nella lotta alla mafia”.

A sottolinearlo, il vicario generale, monsignor Antonino Dolce, in un documento pubblicato sul sito dell’Arcidiocesi di Monreale. “Ne sono prova – aggiunge – oltre ai frequenti riferimenti nelle omelie, anche i decreti con i quali vieta ai mafiosi di fare parte delle confraternite e di svolgere il ruolo di padrini di battesimo o di cresima”.

“Non sono neppure mancati gli appelli alla conversione lanciati ai mafiosi in vari suoi interventi, soprattutto in occasione della presentazione di ‘Convertitevi!’, la Lettera dei Vescovi di Sicilia a venticinque anni dall’appello di San Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi di Agrigento”.

Infine, la Comunità diocesana “auspica che presto si possa fare luce sull’ingiusto attacco diffamatorio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin