Monreale, sequestrata discarica abusiva con una tonnellata e mezza di rifiuti tossici :ilSicilia.it
Palermo

Operazione della Guardia di Finanza

Monreale, sequestrata discarica abusiva con una tonnellata e mezza di rifiuti tossici

di
18 Agosto 2020

Una discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi è stata sequestrata nei giorni scorsi a Monreale (Palermo) dai finanzieri della tenenza di Corleone. Le Fiamme Gialle, durante le ordinarie operazioni di controllo economico del territorio, hanno individuato un appezzamento di terreno, circa 90 metri quadri, nel quale erano accatastati diversi rifiuti speciali come lastre di eternit non integre, circa Kg 1.350, sfabbricidi in cemento per circa 150 chili, e numerosi rottami di elettrodomestici e pneumatici usati, gestiti in assenza delle prescritte autorizzazioni, iscrizioni e comunicazioni.

I militari hanno rintracciato i proprietari del terreno, una coppia di coniugi residenti a Corleone, che sono stati denunciati per attività di gestione di rifiuti non autorizzata, mentre l’area adibita a discarica abusiva è stata sottoposta sequestro preventivo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.