Monta la rabbia dei commercianti, Confesercenti: "Estensione zona rossa a Palermo disastrosa" :ilSicilia.it
Palermo

"Abusivi sostituiscono attività chiuse durante divieti"

Monta la rabbia dei commercianti, Confesercenti: “Estensione zona rossa a Palermo disastrosa”

di
10 Aprile 2021

Monta la rabbia degli imprenditori siciliani: “solo danni con l’estensione della zona rossa. Stiamo pagando un prezzo troppo alto che mette a rischio il nostro futuro”. Il grido d’allarme lo lancia Nunzio Reina, responsabile aerea produzione Sicilia di Confesercenti, che mette in evidenza la “condizione disastrosa” che stanno attraversando le aziende.

Nunzio Reina
Nunzio Reina

“Bisogna trovare rapidamente una soluzione per non fare morire il tessuto produttivo, perché l’unica cosa che vediamo è solo tanta confusione e approssimazione di chi è chiamato a gestire l’emergenza. Noi – dice Reina – rispettiamo le ordinanze, ma è bene sapere che dietro le chiusure di parrucchieri, barbieri e centri benessere ci sono decine di abusivi che, attraverso annunci social, lavorano come se nulla fosse, mettendo a rischio la salute dei cittadini. Ciò significa un doppio danno per chi, invece, è costretto a tenere il negozio chiuso. Servono controlli decisi contro chi non rispetta le regole basilari di contrasto al Covid. Ma serve anche un controllo capillare per smantellare le sacche di abusivismo“.

Reina, nel chiedere alla Regione interventi a sostegno delle imprese, ricorda che “le aziende hanno anticipato i soldi degli stipendi ai dipendenti e che gli aiuti economici non arrivano o risultano finanche inferiori alle spese sostenute per i costi fissi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin