Monta su Facebook una feroce polemica, tutta agrigentina, contro il Corriere della Sera | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Il giornale accusato per una foto sulla città dei Templi

Monta su Facebook una feroce polemica, tutta agrigentina, contro il Corriere della Sera

di
18 Febbraio 2018

Capitale della Cultura. Corriere partigiano o Corriere parmigiano?

Pare che 15 febbraio il Corriere abbia perso un’occasione per fare buon giornalismo. Di certo ha perso i suoi (non molti) lettori agrigentini.

Ha scelto infatti di accompagnare una magnifica recensione di Corrado Stajano al libro di Tomaso Montanari sull’articolo 9 della Costituzione italiana, che tutela l’arte e il paesaggio, con una immagine in cui il fotografo Fabrizio Villa aveva rappresentato vent’anni fa, grazie all’uso di un potente teleobiettivo, il Tempio di Ercole assediato da enormi palazzi che si ergerebbero minacciosi alle sue fondamenta.

Erano anni, onestamente, che non si vedevano circolare “fake-picture” come quella. Chi ha scelto di pubblicare quella foto e ne ha redatto la didascalia – si dice in questi giorni nella città dei Templi – o è un ignorante o è in malafede, mosso da chissà quale intento. Come può del resto testimoniare chiunque abbia visitato almeno una volta la Valle dei Templi, quell’immagine non rappresenta lontanamente il reale stato dei luoghi.

Perché allora il Corriere sceglie di pubblicarla? L’abusivismo edilizio certo esiste e negli anni ha ferito gravemente il paesaggio di Agrigento – chi vuol negarlo? – ma nessuno nel 2018, quando le battaglie degli ambientalisti sono ormai state combattute e vinte, si sognerebbe ancora di raccontarlo in modo così grottesco, artefatto e contrario alla realtà.

La cosa potrebbe essere archiviata come un episodio di cattivo giornalismo, se non fosse per la sciagurata coincidenza con l’aggiudicazione del titolo di Capitale della Cultura 2020. Giusto il giorno dopo la pubblicazione di questa infelicissima immagine (cioè il 16 febbraio), il ministro Franceschini ha proclamato infatti capitale l’opulenta Parma ai danni della povera Agrigento, città in fondo a tutte le classifiche sulla qualità della vita, che in questa scommessa aveva visto un’irripetibile occasione di riscatto e di sviluppo.

Agrigento, l’antica Akragas, che a pochi giorni dalla sconfitta prova invano a leccarsi le ferite e smaltire la sua delusione.

I maligni – e ce ne sono tanti in queste ore – non possono fare a meno di considerare quella del Corriere come un’improvvida entrata a gamba tesa, forse in grado di influenzare le scelte della commissione aggiudicatrice, data l’autorevolezza del giornale e l’impatto emotivo che un’immagine di quel tipo potrebbe aver avuto su chi non conosca il reale stato dei luoghi.

Mera casualità? Scelta interessata? Non lo sapremo mai, e non è certo tempo di processi alle intenzioni.
Ci auguriamo almeno che il calabrese Corrado Stajano, galantuomo e decano del giornalismo italiano – che certo non ha responsabilità alcuna sulla sciagurata scelta della redazione – voglia far sentire la sua voce per dissociarsi da quella foto che, secondo molti, getta discredito, oltre che su Agrigento, anche sulla sua prestigiosa firma di intellettuale del Sud.

Quanto al glorioso Corriere della Sera, ci sentiamo in grado di poter comunicare una certezza: se già ad Agrigento vendeva poche copie, ora potrà anche risparmiarsi i costi della distribuzione.

Questo l’editoriale di Corrado Stajano con la foto “incriminata”.

Sulla pagina Facebook del Corriere, monta la protesta e l’amarezza degli agrigentini, e non solo.
Questo l’intervento video del giornalista delle Iene Silvio Schembri, agrigentino, che con l’aiuto di un collega “smonta” la foto incriminata e soprattutto l’uso improprio che ne è stato fatto dal Corriere:

Nella foto a corredo di questo articolo, infine, abbiamo scelto di mostrare uno scorcio della Valle dei Templi vista dal Giardino della Kolymbetra. Riteniamo che sia questo oggi il modo corretto di raccontare quei luoghi meravigliosi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin