Montalbano Elicona aderisce al "Comitato Milo e Franco Battiato" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Lo ha comunicato il sindaco Filippo Taranto

Montalbano Elicona aderisce al “Comitato Milo e Franco Battiato”

di
14 Maggio 2019

A seguito dell’invito di Enzo Ruggeri, responsabile dell’Ufficio Turismo e Cultura, il Sindaco del comune di Montalbano Elicona, Borgo dei Borghi 2015, Filippo Taranto, con una mail inviata al sindaco di Milo Alfio Cosentino, ha manifestato la volontà di sostenere l’iniziativa del comitato, presieduto dallo stesso sindaco, “Milo e Franco Battiato“, rendendosi anche disponibile ad entrare nella costituenda Fondazione.

Il sindaco di Montalbano ha inoltre inviato una comunicazione al responsabile dei borghi più belli di Sicilia ( 19 comuni) affinché aderiscano al comitato, riservandosi di dare un contributo importante alla costituenda fondazione e alle attività ad essa connesse. Nella missiva, Taranto ricorda la presenza del noto cantautore a Montalbano in occasione della presentazione del suo Docufilm Attraversando il Bardo – sguardo sull’aldilà – presso i Megaliti dell’Argimusco, dove sono state effettuate anche alcune riprese a seguito dell’interessamento di Enzo Ruggeri e di Fabio Bagnasco, amico personale di Franco Battiato.

Il sindaco si dichiara anche disponibile a collaborare anche tramite l’organizzazione di eventi legati al “Festival Montalbano Borgo Mystico”. Nella nota si fa rilevare come sia quanto mai opportuno dedicare una Fondazione dedicata al noto cantautore siciliano, per tutto ciò che rappresenta ed ha rappresentato per la musica e la cultura italiana e che servirà anche a trasmettere il suo pensiero, la sua sensibilità ed umanità alle future generazioni. E’ stato costituito, con sede presso il Comune di Milo (CT), il Comitato “Milo e Franco Battiato”
Il Comitato ha l’obiettivo di varare una Fondazione dedicata alla figura poliedrica, multiforme e spirituale di Franco Battiato, artista che a Milo non ha solo la residenza, ma un legame ancestrale con il “genius loci” della cittadina etnea.

Il comitato, costituito da un nucleo di professionisti e tecnici e presieduto dal sindaco di Milo Alfio Cosentino, intende portare avanti iniziative multidisciplinari ispirate a temi artistici, culturali, umani e filosofici che ripercorrano le molteplici attitudini dell’uomo Battiato, riservando un’attenzione particolare a ciò che, da sempre, lo ha maggiormente ispirato: l’ascesi e la tensione verso il Sacro.
Il Comitato, e la prevista Fondazione senza scopo di lucro, vuole insomma essere un atto d’amore, uno strumento per celebrare, approfondire, salvaguardare, dibattere i temi cari all’artista, anche nel contesto territoriale del vulcano Etna, in cui è nato e che tanto lo ha ispirato, e dove ha deciso di vivere e operare.

LEGGI ANCHE 

A Milo nasce un comitato per salvaguardare i luoghi di Franco Battiato

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.